Morto noto musicista a soli 39 anni

Lascia la moglie e due figlie piccole

Francesco Fallani, foto profilo Facebook

E' morto di infarto a soli 39 anni il musicista Francesco Fallani, organizzatore di eventi e conosciuto in tutto il mondo della musica fiorentina.

La morte, come riporta oggi il quotidiano La Nazione, è avvenuta nella notte tra il 30 e il 31 dicembre, nella sua casa di Scandicci.

Come si può vedere dal profilo Facebook del 39enne (dal quale è tratta la foto sopra), Fallani era tra gli organizzatori di 'Impruneta Go', che mette in piedi eventi musicali con le più conosciute cover band di tutta Italia.

Lo stesso Fallani era batterista nella Liga Coverband, dedicata al noto cantautore Luciano Ligabue. Sono stati proprio i suo compagni del gruppo musicale a dare la notizia del decesso.

“Oggi dobbiamo con dolore dire addio al nostro fratello nonché ideatore e colonna portante di questo progetto Francesco Fallani. Con lui muore un pezzo di ognuno di noi... Da oggi in poi non sarà più la stessa cosa. Riposa in pace amico nostro”, si legge sulla pagina Facebook della cover band in un post del 31 dicembre.

Fallani, scrive La Nazione, lascia la moglie e due bambine piccole, di due anni e mezzo e tre mesi.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Morto durante il fermo, Ilaria Cucchi: "So come va a finire"

  • Attualità

    Piazza della Libertà: apre il caffè Lietta | FOTO

  • Cronaca

    Impruneta: auto in fiamme nel parcheggio della Coop

  • Cronaca

    Morto durante un fermo di polizia a Empoli, Salvini: “Sostegno ai poliziotti”

I più letti della settimana

  • Piazza Giorgini: chiude lo storico forno-pasticceria, festa per la 'Gianna' / FOTO

  • Neve in arrivo

  • Incidenti stradali, auto contro autobus: diversi feriti

  • Delirio in via de' Benci: prende a testate una vetrata e aggredisce i carabinieri / FOTO - VIDEO

  • Trasporti: in arrivo sciopero

  • Mega centro benessere al posto dello storico Teatro Nazionale

Torna su
FirenzeToday è in caricamento