Scuola: toscana la miglior insegnante d’Italia

La professoressa: "Da bambina avevo un sogno: essere insegnante. Ora, tutte le mattine, quando entro in classe, entro nel mio sogno. Ed è tutte le volte una sensazione bellissima"

La premiazione a Roma copyright Stefano D'Amadio

La migliore insegnante d'Italia è Toscana e vive nel Senese. Lavora a Poggibonsi, dove è nata, si chiama Silvia Cortigiano ed è una professoressa di Lettere alla scuola media "F.C. Marmocchi" dell'istituto comprensivo di Poggibonsi.

La "prof" ha infatti vinto (ex-aequo con altri due insegnanti di Ferrara e Conversano) il primo premio dell'edizione 2020 di Atlante Italian Teacher Award. Emozionata e commossa, Silvia Cortigiano sottolinea come "Da bambina avevo un sogno: essere insegnante. Ora, tutte le mattine, quando entro in classe, entro nel mio sogno. Ed è tutte le volte una sensazione bellissima. Il riconoscimento va a tutta la scuola Marmocchi, alla dirigente Manuela Becattelli, alla mia collega di Arte Marina Cesani perché facciamo squadra e lavoriamo con passione". Per Cortigiano "La scuola, oggi, purtroppo è la cenerentola delle istituzioni e il ruolo dell'insegnante si sta lentamente ma inesorabilmente, esautorando. Questo premio è per tutti quei docenti che, oltre alla mente, mettono nel lavoro anche il cuore".

La cerimonia di consegna degli Award si è svolta a Roma all'Auditorium della Conciliazione e la professoressa Cortigiano si è aggiudicata il premio con il progetto Officina Marmocchi, una cooperativa simulata nata in collaborazione con Confcooperative Toscana, dove soci sono gli studenti. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Formaggio e uova richiamati per rischio contaminazione

  • Lavaggi in lavatrice senza sapone con le "sfere magiche": ecco la novità | FOTO

  • Incidente in via Nardi: scooter travolto da auto, 20enne gravissima

  • Gavinana: senzatetto morta nei giardini / FOTO

  • Firenze, gli eventi da non perdere questo weekend

  • Parcheggi su strisce blu: gratis per tutti i residenti a partire dal 30 marzo

Torna su
FirenzeToday è in caricamento