Matteo Renzi compra casa: una villa da 1,3 milioni di euro

In una delle zone più pregiate di Firenze, a gennaio diceva: “15mila euro sul conto”

Una villa da un milione e 230mila euro per Matteo Renzi. In via Pietro Tacca, zona Arcetri, sulle colline a sud di piazzale Michelangelo, in una delle zone più belle e pregiate della città. Il “senatore di Firenze e Scandicci” starebbe perfezionando l'acquisto della villa, secondo quello che racconta oggi il quotidiano La Verità.

Stando a quanto scrive il quotidiano, ripreso da altre testate tra cui il Fatto Quotidiano, l'ex segretario del Pd ed ex presidente del consiglio avrebbe già firmato un preliminare d'acquisto per l'immobile, al quale si aggiungerebbero un giardino e un terreno agricolo di 1.580 metri quadri al costo di 70mila euro.

La caparra (400mila euro divisi in 4 assegni da 100mila), sarebbe stata versata due settimane fa, a metà giugno. La villa, con una superficie catastale di 276 metri, avrebbe 11,5 vani, su due livelli. L'acquisto sarebbe in procinto di essere effettuato – dopo il preliminare d'acquisto - da Renzi assieme alla moglie Agnese Landini.

I 4 assegni da 100mila euro della caparra sarebbero stati emessi il 12 giugno dal Banco di Napoli, al quale si affidano deputati e senatori. Per i 900mila euro che mancano Renzi provvederà con un mutuo. Il quotidiano diretto da Belpietro ricorda anche come Renzi solo pochi mesi fa avesse dichiarato alla trasmissione televisiva Matrix di avere sul conto 'solo' 15mila euro.

“Non ho niente da nascondere, da premier non mi sono arricchito. Ecco il mio conto corrente. Il 30 giugno 2014, quando ho cominciato a fare il presidente, avevo 21.895 euro e oggi ho 15.859 euro. Sempre se mia moglie nel frattempo non ha fatto qualche spesa. C’è l’ idea che chi fa politica magari sia un po’ traffichino, uno che mette il naso in tante vicende”, le parole pronunciate alla trasmissione il 18 gennaio scorso.

Sempre secondo quanto scrive La Verità, i proprietari che starebbero vendendo la villa a Renzi presentarono nell'aprile del 1986  domanda di sanatoria edilizia per “alcuni ampliamenti e modifiche interne ed esterne”. La risposta sarebbe arrivata nel 2017, un anno fa.

“Per uscire dalle sabbie mobili della burocrazia basta avere Renzi come acquirente – attacca il consigliere comunale di Fratelli d'Italia Francesco Torselli, sentito dal quotidiano -. Chiederemo spiegazioni a Nardella di questo e anche della 'sbarra' per chiudere l'accesso a via Tacca. I residenti la chiedono da anni, perché l'autorizzazione a metterla è arrivata solo ora?”.

La replica

Dopo la diffusione della notizia è arrivata la replica dall'ufficio stampa di Renzi. "Matteo Renzi e la sua famiglia stanno da tempo cercando un'abitazione a Firenze. Al momento Renzi non ha concluso né l'acquisto di un'abitazione a Firenze né la vendita dell'abitazione di Pontassieve", si legge nella nota diffusa.

"Quando il percorso sarà concluso tutte le informazioni saranno rese pubbliche, come peraltro prevede la normativa per la trasparenza dei parlamentari. In caso di acquisto di una casa e di vendita dell'altra saranno come già fatto in passato resi pubblici anche i mutui, passati, presenti e futuri".

"Nessun mediatore immobiliare (men che mai internazionale) ha un incarico dalla famiglia - prosegue la nota -. I Renzi al momento si sono rivolti a possibili acquirenti con le modalità tradizionali: annuncio sui giornali e richiesta di appuntamento all'agenzia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Formaggio e uova richiamati per rischio contaminazione

  • Lavaggi in lavatrice senza sapone con le "sfere magiche": ecco la novità | FOTO

  • Incidente in via Nardi: scooter travolto da auto, 22enne gravissima

  • Firenze, gli eventi da non perdere questo weekend

  • Gavinana: senzatetto morta nei giardini / FOTO

  • Parcheggi su strisce blu: gratis per tutti i residenti a partire dal 30 marzo

Torna su
FirenzeToday è in caricamento