Mattarella a Firenze: "E' un onore essere qui" / FOTO

Un rappresentante degli studenti e un ricercatore precario hanno inaugurato l'anno accademico di fronte al presidente della Repubblica

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Per la prima volta il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha partecipato all’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università di Firenze.
Il presidente è arrivato verso le 10 e 30 in Piazza Signoria. E’ stato accolto dal sindaco Dario Nardella, il presidente della regione Enrico Rossi e dal rettore Luigi Dei. “L’Università deve essere pubblica”, hanno detto il primo cittadino e il rettore. “La lotta all’ignoranza è il nostro obiettivo, il concetto di pubblico è il grimaldello con cui potremo combattere l’ignoranza della modernità”, ha spiegato Dei.  Nel salone dei Cinquecento sono stati fatti intervenire un rappresentante degli studenti e un ricercatore precario.

Mattarella ha seguito con interesse tutti gli interventi e dopo ha preso la parola. "Ringrazio il sindaco per le sue parole e il saluto, questa città è piena di fascino e così viene avvertita in ogni parte del mondo - ha detto il presidente - inaugurare l'anno accademico in questo salone pieno di storia è un privilegio che pochi Atenei possono avere. Quello che mi è parso il filo conduttore dei vostri interventi è il rapporto tra istituzioni e società - ha detto - la cultura è importante.  Il rischio di essere catturati da un presente senza passato e futuro può essere esorcizzato da voi". Oggi pomeriggio il capo dello Stato farà visita ai piccoli pazienti dell'opedale pediatrico Meyer.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Potrebbe Interessarti

  • Spettacolare fulmine colpisce Palazzo Vecchio

  • Morte di Gabriele Vadalà: l'ultimo saluto tra applausi e palloncini rossi / VIDEO

  • Laura & Biagio: migliaia di fan in concerto / VIDEO

  • Incidente: Palazzo Vecchio centrato da un fulmine / VIDEO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento