Maltrattamenti su minori affidati: casa-famiglia sotto accusa

Sembrerebbe un altro caso Forteto

Ombre anche su un’altra comunità di accoglienza per minori dopo il caso Forteto. La Repubblica scrive che, dopo un’inchiesta partita nel 2016, la vedova del fondatore della casa-famiglia Podere Pilano (Reggello) Laura Clementi e il figlio Maurizio Scarpelli (che oggi guida la struttura) sarebbero sotto processo per maltrattamenti con l’accusa di comportamenti aggressivi.

La struttura, fondata nel 1980 da Renato Scarpelli, negli anni ha accolto oltre 100 bambini e adolescenti affidati dal tribunale dei minori.

L’inchiesta, secondo quanto riportato dal quotidiano, sarebbe partita dalla denuncia della madre di uno dei ragazzi in affidamento e dalle segnalazioni di un educatore e delle assistenti sociali. A tre minori sarebbe stato impedito di uscire dal Podere Pilano, di frequentare altri coetanei o di telefonare ai genitori, oltre a sistematici atteggiamenti vessatori, offese e anche botte.

Il fondatore, Renato Scarpelli, scomparso nel 2008, era un tecnico del Nuovo Pignone e mentre era al lavoro in Arabia Saudita rimase impressionato nel vedere bambini affamati nel deserto. Decise allora di lasciare il lavoro e fondare il centro divenuto poi un punto di riferimento per l’accoglienza dei minori, soprattutto dell’Est Europa. Nel 2005 Scarpelli fu anche nominato cavaliere dall’allora Presidente della Repubblica Carlo Azelio Ciampi per la sua opera a tutela dei minori.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Eroina, ancora una vittima: morta di overdose una ragazza di 25 anni

  • Cronaca

    Largo Annigoni, derubati e poi pestati di botte: gravi due giovani

  • Cronaca

    Sciopero dei taxi per protesta contro il governo

  • Elezioni comunali 2019

    Elezioni 2019, Marcheschi: "Faccio un passo indietro solo se centro-destra ha candidato unitario"

I più letti della settimana

  • Festa del papà: perché in Toscana si dice “babbo”

  • Siria: ucciso dall'Isis giovane combattente fiorentino

  • Rissa fra genitori: partita sospesa, bambini in lacrime

  • Ucciso dall'Isis, la lettera d'addio di Lorenzo: “Sono morto facendo quello che ritenevo giusto”

  • Autostrada A1: incidente tra mezzi pesanti, un morto

  • Lite al ristorante degenera: cuoco finisce all'ospedale

Torna su
FirenzeToday è in caricamento