Maltrattamenti sugli animali, i cani sono quelli che subiscono più soprusi

Presentato dall'Enpa il resoconto annuale sui maltrattamenti agli animali. I più maltrattati sono i cani, seguiti da gatti e animali da reddito. Non sarebbero diminuiti gli avvelenamenti di animali selvatici

Dall'incredibile episodio di un giovane senza fissa dimora che ha ucciso, scuoiato e mangiato il cane della sorella, marinandone le zampe come dei prosciutti, al sequestro di due tigri utilizzate in attività circensi o di un rottweiler con le gambe atrofizzate perché rinchiuso in uno spazio angusto lungo un canale di scolo, e poi ancora la scoperta in un'azienda agricola di 23 maiali di cinta senese malnutriti e ridotti pelle e ossa. Sono alcuni esempi di maltrattamenti e crudeltà nei confronti degli animali scoperti dall'Enpa di Firenze tra il 2011 e i primi mesi di questo anno.

Il presidente fiorentino dell'ente Simone Porzio, che oggi ha presentato il resoconto annuale, ha sottolineato che "i maltrattamenti contro gli animali non conoscono crisi" e ha ricordato anche altri casi eclatanti nel territorio: la scoperta di un cane morto nel fiume Bisenzio con la testa avvolta in un sacchetto di plastica, o il ritrovamento di 10 cani di grossa taglia rinchiusi in un appartamento sui viali a Firenze. Stessa sorte è capitata anche a 14 gatti tenuti in condizioni igieniche precarie in uno stabile del centro storico. Secondo l'associazione i più maltrattati sono i cani (48% dei casi), seguiti dai gatti (31%) e dagli animali cosiddetti da reddito (15%) come bovini, suini, equini, ma anche volatili e crostacei.

Per Porzio non accenna poi a diminuire il fenomeno degli avvelenamenti che oltre alle aree rurali, ai danni degli animali selvatici e dei cani, interessa ormai anche i giardini pubblici cittadini e l'ambiente urbano in generale. In questo caso, le esche vengono spesso piazzate contro piccioni e topi, ma le principali vittime finiscono per essere i gatti. Prosegue poi la lotta al bracconaggio e il contrasto al commercio illegale di cuccioli dall'est Europa, "acquistati a 20-30 euro e rivenduti a 500-1000". Secondo l'Enpa "le guardie zoofile di Firenze e il Corpo forestale hanno accertato che le tratte autostradali tra Firenze e Arezzo sono uno dei crocevia tra nord e sud di questo traffico".

 

 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di ßiposoßterno
    ßiposoßterno

    I cani sono al secondo posto dopo gli umani sottoposti a soprusi. Ma questi sonno gli effetti collaterali della nostra democrazia, Ma per vivere il massimo benessere sociale  eper una nuova democrazia alle prossime se la tua intenzione è cambiare ti puoi esprimere chiaramente, "Al governo: RiposoEterno" Candidato indipendente per l'Italia 

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Castelfiorentino: svastica sulla lapide della vittima dei nazisti

  • Cronaca

    Sicurezza: metal detector agli ingressi del Duomo / FOTO

  • Cronaca

    Renzi sui permessi all'auto di Agnese: “Fake news e malafede”

  • Meteo

    Neve e vento su Alto Mugello: maltempo sul resto della Toscana

I più letti della settimana

  • La denuncia di Fdi: “Agnese Renzi circola e parcheggia gratis in tutta Firenze”

  • Firenze, gli eventi da non perdere questo fine settimana

  • Piazza Santa Trinita: lite finisce male, uomo in coma

  • Chiamata diretta da Nardella: la figlia della giudice che archiviò Renzi già in aspettativa

  • Teatro della Pergola: annullato lo spettacolo di Accorsi, ecco perché

  • Stazione Smn, rivoluzione gate: in funzione i nuovi varchi / FOTO - VIDEO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento