Tremenda lite tra vicini: colpito con una sega al collo

Trenta giorni di prognosi per la vittima  

Carabinieri

Ieri sera brutale lite tra vicini lungo Corso Vittorio Veneto. Un sessantenne è rimasto ferito in maniera grave dopo essere stato colpito con una sega all'altezza del collo. Alla base della vicenda un battibecco tra una signora di 82 anni e il vicino, diatribe legate al diritto di passaggio in un residence condominiale. E' stato il figlio della donna, sentendo tali esternazioni, a impugnare una mazza in bambù e cominciare e bastonare il vicino. Il 52enne poi è risalito a casa ed è tornato con una sega a mano con cui ha colpito l’uomo al collo e alle braccia per poi barricarsi nella sua abitazione.

La vittima, trasportata d'urgenza da alcuni amici all'ospedale Serristori, è stata ricoverata e ne avrà per trenta giorni. L'aggressore e la madre sono stati trasportati presso il nosocomio di Bagno a Ripoli dove i sanitari hanno rilevato una frattura del bacino per l’anziana, causata dall’intervento per dividere i due uomini; durante la lite l'arrestato ha riportato lievi contusioni ed escoriazioni. Il 52enne è stato arrestato per lesioni aggravate e porto di armi od oggetti atti ad offendere. E' stato trattenuto presso la camera di sicurezza dai carabinieri in attesa del processo previsto per domattina.
 

Litigi a colpi d'estintore

Potrebbe interessarti

  • Ed Sheeran, la scaletta del concerto

  • Estate 2019: i nuovi locali a Firenze da provare

  • Apre La Montagnola: il nuovo spazio dell'estate. Cinema sotto le stelle e musica

  • Pitti Uomo, 5 eventi da non perdere

I più letti della settimana

  • Incidente stradale a Scandicci: morto noto imprenditore

  • Incidente Isolotto: autobus investe anziana / FOTO

  • Incidente stradale sulla 429 bis: motociclista muore in ospedale

  • Ristorazione nel caos: bancarotta e fallimenti, guai per 7 noti ristoranti

  • Top model in arrivo al piazzale: super-sfilata per LuisaViaRoma

  • Firenze Rocks: autobus, tramvia, orari, ingressi e divieti

Torna su
FirenzeToday è in caricamento