Isolotto, tremenda lite al campo nomadi: cinque in ospedale

Sul posto tre volanti della polizia 

Ieri sera doppio intervento della polizia al campo nomadi del Poderaccio, entrambi per una lite accesa tra un 42enne serbo e il suo vicino (26enne nato a Firenze). Il primo alterco, colorito da pesanti ingiurie, sarebbe avvenuto intorno alle 21 e trenta. Gli agenti sono intervenuti ristabilendo l'ordine. Ma, dopo una sola ora, i due si sarebbe affrontato di nuovo all'interno del campo davanti a numerosi presenti tra cui minori. Sul posto sono intervenute tre volanti della polizia che hanno riportato la calma. Sul posto anche numerose ambulanze, infatti, oltre al 42enne e al 26enne, sono finiti in ospedale anche i figli del serbo. Tre, due minori e un maggiorenne, che si sarebbe messi in mezzo nel corso della lite. Due di loro hanno riportato escoriazioni, mentre una ragazzina è stata portata al Meyer solo per accertamenti. Sembra che all'origine della zuffa ci siano vecchie ruggini inerenti questioni di vicinato. In fase di ricostruzione le responsabilità della vicenda. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 9 nuovi casi, focolaio a Impruneta

  • Coronavirus Toscana, 3 nuovi focolai. Ordinanza di Rossi: "Contagiati vadano in albergo o multa di 5.000 euro"

  • Gignoro: malore per l'autista Ataf, perde il controllo del bus e si schianta. Chiusa via del Guarlone | FOTO

  • Il caso Palamara avvelena Firenze: giudice si prepensiona e accusa la presidente del Tribunale

  • Rissa in spiaggia, denunciati sei giovani fiorentini

  • Coronavirus: si torna a salire a causa dei cluster, 2 decessi e 19 nuovi casi 

Torna su
FirenzeToday è in caricamento