Licenziamenti alla Sims di Reggello, i sindacati: "L'azienda non ha un piano industriale"

I lavoratori hanno fatto un presidio e otto ore di sciopero. Undici gli esuberi previsti

Il Valdarno sta vivendo una crisi economica che non ha precedenti. Dopo l'annuncio degli oltre 300 licenziamenti alla Bekaert di Figline ora è la Sims di Reggello (storica azienda chimica - farmaceutica ) a fare tagli al personale. "All'inizio avevano parlato di 16 esuberi - spiega Mirko Zacchei della Cisl - adesso siamo arrivati a 11, ma non sappiamo in quali reparti avverranno anche se lo possiamo immaginare".  Oggi i lavoratori hanno scioperato per otto ore e questa mattina hanno fatto un presidio (indetto da Cisl e Cgil) davanti ai cancelli dell’azienda del Filarone (la frazione di Reggello in cui sorge il complesso).

Sims oggi occupa 115 lavoratori ma in passato ha avuto un organico che contava fino a 150 dipendenti. L’azienda ha iniziato ad andare in crisi nel 2014 quando fu costretta a sospendere la produzione di medicinali a seguito di un controllo dell’Azienda del Farmaco (Aifa). “In sostanza Sims lavorava in parte fuori dalle regole - continua Zacchei - per mesi i dipendenti non sono tornati in fabbrica e per alcuni è iniziata la cassa integrazione”. Dal 5 di giugno sono terminati tutti gli ammortizzatori sociali.

“Nonostante la crisi del 2014 la dirigenza è rimasta al suo posto ma in realtà tutti loro dovrebbero essere mandati a casa”, spiega disperato un operaio. “Lavoro qui da più di 30 anni – continua l’uomo – speravo che Sims mi facesse raggiungere l’età per la pensione e invece non lo sappiamo”. La maggioranza dei dipendenti dell’azienda sono uomini tra i 40 e i 55 anni, molti di loro – in caso di licenziamento – avrebbero non poche difficoltà a rientrare nel mercato del lavoro.

“Purtroppo in questi anni l'azienda non ha colto l'occasione per mettere in campo una chiara strategia aziendale - spiegano Massimo Bollini della Cgil e Zacchei della Cisl - per dare continuità alla produzione e riportare ordinativi e commesse, volumi produttivi e fatturato. Ed è questo principalmente a preoccuparci, oltre ai licenziamenti annunciati". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le 11 lettere di licenziamento partiranno venerdì 29 giugno, giorno in cui è fissato il tavolo istituzionale in Regione Toscana sulla crisi aziendale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente lungo la linea 1: camion si schianta sulla tramvia / FOTO

  • Santa Maria Novella: ragazzina presa a schiaffi e rapinata alla fermata dalla tramvia

  • Natalie Portman, lettera d'amore a Firenze: "La magia delle celle dei frati affrescate a San Marco, il gelato e..."

  • Palazzo Vecchio senza soldi, Nardella: “Vado a cercarli in Cina”

  • Fase 2: hotel al collasso, lavoratori alla fame. Confindustria Firenze: "Situazione sociale sarà drammatica"

  • Cane rabbioso aggredisce a morsi i passanti: tre feriti in piazza Santa Maria Novella

Torna su
FirenzeToday è in caricamento