Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Evasione, bancarotta e caporalato: a Empoli lavoratori pagati 3 euro l'ora

Arrestati coniugi cinesi. Sequestrati beni per 1,7 milioni di euro 

 

Nei giorni scorsi i militari della guardia di finanza hanno eseguito - su disposizione del gip Agnese Di Girolamo - un’ordinanza di custodia cautelare in carcere e un decreto di sequestro patrimoniale da 1,7 milioni di euro nei confronti di una coppia di imprenditori cinesi.

L’attività, svolta sotto la direzione del sostituto procuratore Christine Von Borries, nasce da alcune verifiche fiscali condotte dalle fiamme gialle di Empoli nei confronti di alcune società operanti nel settore della lavorazione delle scarpe ed ha riguardato due coniugi di origini cinesi, accusati, all’esito dell’indagine, di bancarotta fraudolenta, sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte e caporalato in relazione alla gestione di fatto delle imprese.

Le società, in un sistema “apri e chiudi”, avevano maturato forti debiti tributari con l’Erario e impiegavano personale di origine extracomunitaria che prestava la propria opera con pesanti turni giornalieri anche di 12 ore, festivi inclusi, ad una retribuzione media oraria al di sotto dei 3 euro.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FirenzeToday è in caricamento