Istituto Meucci, Nardella dopo il crollo: "Faremo una nuova scuola "

Il sindaco ha accolto la proposta degli studenti e dei genitori di realizzare una struttura in muratura

"Realizzeremo un nuovo polo scolastico in muratura per l'istituto Galilei e il Meucci", è quanto annunciato dal sindaco Dario Nardella durante un incontro con genitori e studenti dell'istituto Meucci dopo il crollo del contro-soffitto di una settimana fa. 

Lunedì scorso è crollato il contro-soffitto, vicino alla palestra dell’Istituto Meucci, quando fortunatamente nessuno era presente. Il giorno dopo gli studenti non sono entrati a scuola.

Genitori allarmati

“Ho chiesto all’ingegner Paolo Cianchi, direttore responsabile del settore dell’edilizia scolastica per la città metropolitana, che dichiarasse l’agibilità della scuola. L’ingegnere ha firmato una dichiarazione, fidandomi di lui, posso dire che non ci sono problemi per far rientrare i ragazzi in aula, in modo da rassicurare tutti voi”, ha detto il sindaco Nardella.

L’ingegnere ha poi riferito che nel 2014 fu fatta un’indagine sui contro-soffitti della scuola ma nei prossimi giorni ne verrà fatta una nuova da un’altra ditta.

Gli studenti e il preside Maresca hanno chiesto una scuola in muratura, non tanto per loro, ma per gli alunni che arriveranno nei prossimi anni. Il sindaco ha accolto la loro richiesta. "E' una delle scuole più vecchie della provincia di Firenze - ha detto il primo cittadino - sono strutture realizzate in un contesto di emergenza scolastica, sono prefabbricati della fine degli anni Settanta purtroppo come succede spesso in Italia ciò che dovrebbe essere temporaneo poi rimane permanente".  

L'idea dell'amministrazione comunale e della città metropolitana è quella di buttare giù la scuola esistente e costruire una nuova struttura dietro agli attuali edifici che al momento sono terreni agricoli (servirebbe quindi una variante urbanistica per renderli edificabili). "Pensiamo di realizzare prima un edificio volano per spostare le attività delle due scuole, e mentre si spostano gradualmente le attività, demolire gli attuali prefabbricati e costruire il nuovo Meucci su via Filarete, e il nuovo Galilei nella parte sud. Serve una progettazione impegnativa che costerà, abbiamo stimato circa due milioni di euro, e vorremmo fare anche un percorso partecipativo con gli studenti", ha dichiarato Nardella. L'inizio della progettazione del nuovo polo scolastico non può partire prima del prossimo anno.  

Intanto il comune si impegna nella battaglia legale contro l'azienda che ristrutturò la scuola soltanto due anni fa. Il sindaco ha concluso dicendo: ”Io mi sento parte lesa quanto voi, la prima cosa che ho fatto è stato chiamare il Signor Scognamiglio (probabilmente a capo della ditta che ristrutturò la scuola qualche anno fa, ndr.) per dirgli che è indecente e deve vergognarsi per quello che ha fatto”. La ditta è stata segnalata alla Camera di Commercio ed è partita la segnalazione all'Autorità contro la corruzione.

Nardella: "La ditta che ristrutturò la scuola, sarà segnalata all'Anticorruzione"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Via Baracca: vinti 500mila euro con un "Gratta e Vinci"

  • Coronavirus: anche in Toscana nuove misure per chi torna dalla Cina

  • Lavoro: concorso per 84 assunzioni in Regione Toscana

  • Donna morta in hotel: "gioco erotico finito male", indagato il compagno

  • Firenze, gli eventi da non perdere questo weekend

  • Coronavirus: Rossi-Burioni, rissa sui social per la quarantena dei cinesi

Torna su
FirenzeToday è in caricamento