Isolotto, dopo 44 anni chiude il negozio per bambini "Rosazzurro"

Tanto affetto dimostrato dal quartiere ai proprietari della "storica" attività

Il negozio Rosazzurro in liquidazione

Dopo 44 anni l'Isolotto perde un piccolo pezzo della sua storia. Il negozio per bambini "Rosazzurro" infatti chiude per sempre i battenti. La crisi, le grandi catene e l'e-commerce hanno costretto i fratelli Guidi alla liquidazione totale.

"I nostri genitori, scomparsi prematuramente, hanno aperto questo negozio nel 1973 – ricorda Stefano -. Mia sorella Barbara già a 18 anni teneva le redine dell'attività di famiglia. Poi sono entrato anche io". 
Le cause della chiusura di questo esercizio commerciale sono quindi molteplici. "Nel 2008 eravamo in sei a lavorare qui dentro. Poi la crisi si è "portata via" le commesse, il magazziniere e ora anche noi". I colossi del settore hanno poi rosicchiato un'importante fetta di mercato al negozio che ha trovato il punto di non ritorno nel sempre più diffuso sviluppo del commercio online. "Le mamme spesso comprano su internet – spiega ancora – noi offrivamo un servizio di vicinato, diverso da quello dei grandi portali che però andava quantificato". E che fino a qualche anno fa trovava un forte riscontro nella clientela: "A volte ci è capitato di veder varcare la soglia a bisnonna, nonna e neomamma, tutte insieme". "Un calore che comunque si è fatto sentire da quando abbiamo cominciato la svendita per chiusura: la vicinanza di tante persone del quartiere. Questo confesso che ci gratifica".

Nel negozio per l'infanzia accanto agli ultimi scaffali da svuotare rimangono lettere e foto di neonati. E ricordi che supereranno anche il 4 febbraio, ultimo giorno in cui le porte si apriranno. Cosa succederà adesso?  "Abbiamo avuto offerte da privati per rilevare il negozio – spiegano Stefano e Barbara – ma si sono resi conto che le spese da sostenere sono elevate". "Noi ci dedicheremo ad altro".

IMG_20170118_115655-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, altro caso sospetto a Firenze: il secondo tampone è positivo

  • Coronavirus, caso sospetto a Santa Maria Novella

  • Coronavirus, altri due casi in Toscana: un calciatore professionista e un birraio

  • Coronavirus: due i casi positivi in Toscana, dopo Firenze anche Pescia

  • Coronavirus: altri due contagiati a Firenze

  • Coronavirus, Rossi: "No alla chiusura di scuole o stop ai concorsi"

Torna su
FirenzeToday è in caricamento