Ciclista travolto da pirata, l'appello della nipote: "Chi ha visto qualcosa parli"

L'uomo, 44 anni, è padre di 4 figli: è ancora in gravi condizioni, in coma farmacologico

E' in coma farmacologico il ciclista di 44 anni travolto ieri mattina da un'auto pirata sul viale Machiavelli, la strada che da Porta Romana sale in direzione di piazzale Michelangelo.

L'impatto è avvenuto al mattino, intorno alle 7:30. "Mio zio stava andando a lavoro, in bicicletta, come ogni mattina", racconta la nipote, 23enne, raggiunta oggi al telefono mentre si trovava all'ospedale dove l'uomo è ricoverato.

"La cosa più grave è l'emorragia cerebrale", dice la ragazza, comprensibilmente sotto shock dopo quello che è successo. Per ora dai medici poche altre notizie sulle condizioni dell'uomo, che versa tuttora in gravi condizioni.

"Chiunque abbia visto qualcosa si faccia avanti, anche in forma anonima", è l'appello rilanciato dalla giovane.

E' padre di 4 figli e nonostante la giovane età era già nonno di un nipotino di quasi un anno. La famiglia sporgerà denuncia anche ai carabinieri, per ora contro ignoti.

La polizia municipale sta monitorando tutte le telecamere della zona per risalire al responsabile. Vicino al luogo dove è stato soccorso il ciclista sono stati trovati frammenti di auto, probabilmente appartenenti al mezzo che ha travolto il ciclista.

L'appello a farsi avanti con la polizia municipale, in caso notino qualcosa di strano, è dunque anche ai carrozzieri. I numeri da chiamare per fornire informazioni sono i seguenti: 055 328 32 78 oppure 055 328 32 70.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Isolotto: il portellone si apre e la bara finisce in strada

  • Terremoto Firenze: la terra trema in città

  • Terremoto: la terra trema nel Fiorentino

  • La migliore caffetteria d'Italia è a Firenze

  • Sgombero in via Baracca: coinvolte decine di famiglie, caos traffico / FOTO

  • La rinascita della Fortezza: dalla criminalità alla pista di pattinaggio più lunga d'Europa | FOTO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento