Incidente a catena tra camion in autostrada: fino a 15 km di coda

Nella carreggiata opposta un'altra coda a causa dei 'curiosi'

Un inicidente stradale avvenuto sulla autostrada A1 causa nel pomeriggio di oggi, giovedì 2 maggio, lunghe code tra Calenzano ed il bivio con la Variante di Valico, verso Bologna.

L'incidente è consistito nel tamponamento tra tre camion, avvenuto al km 268. Intorno alle 17 Autostrade per l'Italia segnalava fino ad 8 km di coda, in direzione nord, in aumento, con il traffico scorrevole solo sulla sola corsia di sorpasso.

In alternativa, ai soli veicolo leggeri Autostrade consiglia di uscire a Calenzano, percorrere la strada 8 Barberinese con rientro in autostrada a Barberino.

Sul posto sono presenti il Personale di Autostrade per l'Italia e tutti i mezzi di soccorso, non si conoscono al momento le condizioni degli eventuali feriti.

In direzione opposta, verso Firenze, si sono registrate code e rallentamenti per il cosiddetto fenomeno dei 'curiosi', persone che rallentano per guardare cos'è successo.

Aggiornamento - Con una nota inviata intorno alle 19 Autostrade ha riferito che la situazione, dopo una coda che era arrivata fino a 15 chilometri, si è sostanzialmente risolta e che il traffico sta tornando alla regolarità.

Tir fuori strada: autista morto carbonizzato / FOTO - VIDEO

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Firenze usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

  • 10 idee per una gita fuori porta in Toscana per Ferragosto

  • Accadde oggi: il film Amici miei arriva al cinema

  • Le sagre di Ferragosto da non perdere

  • Cosa fare per San Lorenzo a Firenze e dintorni

I più letti della settimana

  • Bambino di 8 anni muore dopo una settimana di agonia

  • Lite per il parcheggio finisce nel sangue: muore residente a Sesto

  • Ondata di caldo: codice rosso oggi a Firenze

  • Ubriaco fa una nuotata in Arno poi cammina nudo in centro / FOTO

  • Tre ricette toscane per combattere il caldo estivo

  • Tramvia: tram e scooter viaggeranno insieme

Torna su
FirenzeToday è in caricamento