Ennesimo incendio a Impruneta, distrutti due veicoli: preso piromane, è minorenne

Arrestato un 17enne accusato di aver dato fuoco a un'auto. Il giovane è stato accompagnato nel centro di accoglienza per minori

Incendio auto

Ieri notte, intorno alle tre e trenta, ennesimo incendio nel comune di Impruneta. Nel rogo sono andati distrutti due mezzi: un’auto e un furgoncino. Stavolta però, dopo settimane di paura per l’incubo piromane, i carabinieri hanno sorpreso colui che ha appiccato l’incendio. E’ un 17enne del luogo, incensurato, arrestato dai militari nei pressi di viale Vittorio Veneto. Gli uomini dell'Arma, in zona dopo la serie di incendi verificatasi nel comune del Chianti, lo hanno fermato mentre tornava a casa a piedi. Da una prima ricostruzione il giovane avrebbe dato fuoco alla tappezzeria del mezzo con un accendino, poi le fiamme avrebbe avvolto anche il secondo veicolo parcheggiato. 

Non si esclude che l’adolescente possa essere il responsabile dei raid incendiari avvenuti nelle scorse settimane. Motivo per cui i carabinieri di Scandicci, diretti dal capitano Stefano Caneschi, stanno effettuando una serie di riscontri. 

Dopo il suo arresto, il giovane è stato accompagnato presso il centro di prima accoglienza di via Orti Oricellari a disposizione del magistrato competente.

Il sindaco di Impruneta, Alessio Calamandrei, ha commentato così sulla sua pagina facebook la notizia dell'arresto: "Cosa dire.... Indubbiamente si spera sia la fine di un incubo per i cittadini di Impruneta. L'arresto di stanotte è il segnale indiscutibile che le forze dell'ordine stavano lavorando e stavano lavorando bene. La fiducia nelle forze dell'ordine, spesso messa il discussione in questo periodo, deve far riflettere molte persone che si erano scagliate contro. Neanche il sindaco ha mai voluto sapere il "metodo" di operare delle forze dell'ordine. I risultati di tanto lavoro sono arrivati. E mentre stanotte è stata fermata in flagranza di reato una persona, è bene anche ricordare che nei giorni scorsi sono già stati identificati gli aggressori di via Grandi a Tavarnuzze della settimana scorsa, e identifica la persona del roga di via Falcone.  La giustizia adesso farà il suo corso. C'è però il rovescio della medaglia. Il capire le motivazioni di un ragazzo che, se confermato, fa un gesto del genere. Un disagio sociale già all'attenzione dei più, una conoscenza personale del ragazzo che mi ha lasciato letteralmente basito. Concludo con un plauso alle forze dell'ordine, resta l'amarezza dei fatti, nella volontà di riuscire a capire il "perchè" di certi atti".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Via Palazzuolo: completamente nuda semina il panico in strada

  • Uomo morto nella sua auto: è il genero di Roberto Cavalli

  • Tramvia sovraffollata, la Cgil: “Situazione insostenibile"

  • Firenze Rocks 2020: fan in fermento per la quarta edizione

  • Versilia: fiorentina muore durante una gita in montagna

  • Aeroporto di Peretola: nuovi voli da Firenze grazie a Vueling

Torna su
FirenzeToday è in caricamento