Impruneta: duplice omicidio, giallo sull'arma del delitto

Nei prossimi giorni sarà effettuata l’autopsia sui corpi della coppia

Immagini di Alessandro Busi davanti alla casa del delitto

E’ ancora scossa Impruneta per il duplice omicidio che ha portato alla morte di Osvaldo Capecchi e la compagna Patrizia Manetti, originari di Rossano Calabro (Cosenza) e Firenze. Nel corso della perquisizione della Fiat Panda di Dario Capecchi, il figlio dell'uomo che è accusato del pluri-omididio, è  stato rinvenuto nel vano portaoggetti lato passeggeri un coltello da cucina seghettato. Dovranno essere fatti accertamenti per verificare se vi siano tracce di sangue latenti ma, in base a quelle che sono le prime risultanze medico-legali, non dovrebbe trattarsi dell'arma del delitto.

Da quanto si è appreso, il 43enne, affetto da problemi psichici, era in cura in un centro di igiene mentale ma sembra che negli ultimi dieci giorni avesse interrotto la terapia farmacologia. Una volta fermato è stato portato nella caserma del comando provinciale in Borgognissanti. Si è seduto davanti al pm per l'interrogatorio difeso da un avvocato d'ufficio. Tra gli elementi d'accusa anche il fatto che avesse abiti sporchi di sangue.

Nei prossimi giorni sarà effettuata l'autopsia sui corpi di Osvaldo e Patrizia. A quel punto sarà chiarito in modo ufficiale in che modo sono stati uccisi. 

Potrebbe interessarti

  • 10 idee per una gita fuori porta in Toscana per Ferragosto

  • Accadde oggi: il film Amici miei arriva al cinema

  • Spioncino digitale: ecco come funziona e perchè sceglierlo

  • "Non ci resta che piangere": 35 anni dopo il film in piazza del Carmine

I più letti della settimana

  • Comico toscano miracolato: cade un albero poco prima del suo passaggio

  • Meteo Firenze: allerta per pioggia e temporali

  • Incidente in montagna sulle Dolomiti: muore escursionista fiorentino

  • Incidente in Viale Redi: precipita nel Mugnone / FOTO - VIDEO

  • Terremoto: nuova scossa, la terra trema ancora

  • Tramvia: dagli scavi sui viali spunta la testa delle mura, è polemica

Torna su
FirenzeToday è in caricamento