Imprenditore dichiara 0 euro con 175 auto intestate, ora i controlli

Primo bilancio del servizio di recupero del Comune. Tra i casi più eclatanti un uomo che dichiara zero euro ed è intestatario di 175 automobili, ora la segnalazione all'Agenzia delle Entrate

Poco meno di una segnalazione al dì in 45 giorni di attività, trenta nel primo mese e mezzo. Questo il primo bilancio dell’attività del servizio di recupero fiscale messa in campo dal Comune di Firenze, sovrapponendo i dati della direzione finanziaria con quelli della polizia municipale. Grazie all’incrocio di banche dati è possibile individuare soggetti che ad esempio dichiarano redditi inferiori (o addirittura zero) rispetto al tenore di vita e quindi si riesce a stabilire se si tratta di veri “poveri” o possibili evasori, che poi verranno segnalati all’Agenzia delle Entrate.

“Un plauso ai nostri uffici – ha sottolineato l’assessore al bilancio Claudio Fantoni – per questa attività che l’Amministrazione ha inserito fra le priorità fin dal suo insediamento, attraverso l’impegno delle direzioni risorse finanziarie e risorse informatiche e alla Polizia Municipale. I sistemi messi in atto stanno dando i primi dati positivi e questo, pur dovendo perfezionare ulteriormente il sistema di rilevazione e verifica, ci incoraggia ad andare avanti nel nome della legalità e dell’equità”.

RECORD - Fra le segnalazioni si possono evidenziare alcuni casi. Ad esempio quello di un ristoratore con più sedi di esercizio e attività e 14 dipendenti, che dal 2007 ha dichiarato reddito zero (1.800 euro nel 2008), ma risulta aver acceso un mutuo. Oppure quello di un pasticcere (4 dipendenti) che non ha presentato da anni (l’ultima nel 2003) la dichiarazione dei redditi. E ancora quello di un socio di un’attività di ristorazione che dichiara zero, ma risulta intestatario di 175 autovetture, le cui sole tasse di possesso ammontano a 42.000 euro, per cui si può ipotizzare lo svolgimento di un’attività economica illecita.

CASE POPOLARI - Emersi anche tre casi che riguardano inquilini di case popolari. E’ stato individuato un assegnatario che, pur dichiarando reddito zero, ha acquistato un immobile (contraendo un mutuo) e ha presentato al Comune una dichiarazione Isee falsa. Un altro (pensionato) che – dopo il provvedimento di decadenza per superamento del limite di reddito –, a seguito di riscontri su fatture di ditte fornitrici, è risultato esercitare attività di idraulico “a nero”. Infine un caso che riguarda un nucleo familiare molto numeroso che negli ultimi anni ha dichiarato redditi oscillanti fra 8.000 e 10.000 euro (nel 2008 appena 290 euro), ma risulta aver acquistato nello stesso periodo due auto di lusso per circa 70mila euro (che non fanno la somma della dichiarazione dei redditi dell’intero nucleo degli ultimi 4 anni), in più è stato visto alla guida di altri veicoli non iscritti al PRA, per cui si può ipotizzare anche un illecito di import-export.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, altro caso sospetto a Firenze: il secondo tampone è positivo

  • Coronavirus, caso sospetto a Santa Maria Novella

  • Coronavirus: due i casi positivi in Toscana, dopo Firenze anche Pescia

  • Coronavirus: anche in Toscana nuove misure per chi torna dalla Cina

  • Lavoro: concorso per 84 assunzioni in Regione Toscana

  • Coronavirus, mistero sulla comitiva "fantasma" rientrata a Firenze dalla Cina

Torna su
FirenzeToday è in caricamento