Guida ubriaco davanti a una scuola: rischia l'arresto

A bloccare l'uomo è stata una pattuglia della polizia municipale

Rischia una multa fino a 3.200 euro e l' arresto fino a sei mesi , con sospensione della patente di guida fino a un anno l'uomo fermato e denunciato per guida in stato ebbrezza dalla polizia municipale. Tutto è successo mercoledì mattina, alle 8,30 in via San Giuseppe.Qui,  una pattuglia in servizio davanti alla scuola elementare Vittotio Veneto per agevolare l’ingresso dei bambini, ha notato una vettura di grossa cilindrata che procedeva a scatti e molto lentamente creando una situazione di potenziale rischio.

Gli agenti hanno quindi fermato l’auto e chiesto la patente al conducente: alla guida un 28enne straniero residente nella provincia di Firenze. Dai primi controlli è emerso che l'auto era senza permesso ztl ma gli agenti,, visto il comportamento dell'uomo, l'hanno sottoposto al pretest per lo stato di ebbrezza. Si il pretest che la successiva  prova con l'etilometro hanno dato esito positivo (rilevato un tasso alcolemico  oltre il doppio del limite consentito). 

L’uomo è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza media. Gli agenti gli hanno ritirato la patente ai fini della sospensione. Rischia un’ammenda da  800 a 3.200 euro e l'arresto fino a sei mesi, oltre alla sospensione della patente di guida da sei mesi ad un anno. 

Potrebbe interessarti

  • 10 idee per una gita fuori porta in Toscana per Ferragosto

  • Accadde oggi: il film Amici miei arriva al cinema

  • Le sagre di Ferragosto da non perdere

  • Furti in casa: tornano i contributi per l’installazione degli allarmi

I più letti della settimana

  • Lite per il parcheggio finisce nel sangue: muore residente a Sesto

  • Bambino di 8 anni muore dopo una settimana di agonia

  • Incendio all'Isolotto: colonna di fumo sulla città

  • Tramvia: tram e scooter viaggeranno insieme

  • Tre ricette toscane per combattere il caldo estivo

  • Addio allo stress da posto fisso: così amore e viaggio ci hanno cambiato la vita

Torna su
FirenzeToday è in caricamento