Sparatoria a Palazzo Chigi: i due carabinieri feriti in servizio a Firenze

Giuseppe Giangrande e Francesco Negri fanno parte del Sesto battagliane Carabinieri Toscana. Giangrande, il più grave, è vedovo e ha una figlia: per lui si parla di una lesione della colonna vertebrale cervicale

Giuseppe Giangrande e Francesco Negri, i due carabinieri feriti questa mattina nella sparatoria davanti a Palazzo Chigi, sono entrambi militari in servizio al Sesto battagliane Carabinieri Toscana. Giangrande, brigadiere cinquantenne, è vedovo da circa due mesi. Ha una figlia di 23 anni, che adesso è in viaggio per Roma. Nato a Monreale (Palermo), è quello che versa in condizioni più gravi: ha riportato la lesione della colonna vertebrale cervicale. Il brigadiere è in servizio a Firenze, dal 2009, dopo un’esperienza nel radiomobile di Prato. Anche Negri, 30 anni, è arrivato nel 2009. Prima era in servizio in una stazione in Lombardia. Negri è celibe ed è originario di Torre Annunziata.

GIANGRANDE“E’ una lesione importante, sono in corso accertamenti”. Così il direttore del Dea dell’Umberto 1 di Roma Claudio Modini, a chi gli chiedeva se la ferita alla colonna vertebrale del carabiniere ferito Giuseppe Giangrande avrebbe potuto comprometterne la mobilità in futuro. “Se sarà operato – ha aggiunto – dipenderà dagli accertamenti. Tra un paio d’ore potrò essere più certo". Per ora il carabiniere non è stato operato, ma “soltanto sottoposto all’intervento di asportazione e rimozione del proiettili”.

COLLEGHI – Alla caserma Baldissera, sul Lungarno Pecori Giraldi a Firenze, la sede del Sesto Battaglione Carabinieri Toscana, oggi regna lo sconcerto e la tristezza. Poca voglia di parlare fra i colleghi dei due militari – molti stanno andando a Roma per star loro vicino – che li definiscono “due bravissimi ragazzi, che si sacrificano. Questo – viene spiegato – è un lavoro che si fa solo con la passione, è un mestiere che chiede molto, che ti tiene lontano dalla famiglia e dagli affetti. Qua condividiamo tutto, esperienze di vita, tensioni, ansie e gioie”. Il contingente toscano era arrivato a Roma da qualche giorno “siamo a disposizione del Comando generale – viene aggiunto – che ci impegna non solo in Toscana, ma laddove ci sia bisogno: dalle emergenze di Lampedusa a quelle per la Tav, al servizio pubblico durante le partite”.

ROSSI“Ancora una volta uno ‘squilibrato’. Tre anni fa, il 12 dicembre 2011, la strage di senegalesi a Firenze per opera di un ‘squilibrato’ di estrema destra. Oggi, mentre il nuovo governo stava giurando, un uomo, anche lui, dicono, ‘squilibrato’, spara e ferisce due carabinieri.