Food: da Gambero Rosso la guida dei Pani&Panettieri d’Italia

La ricerca, lo studio, le sperimentazioni. Premiato un "fiorentino"

David Bedu credits Facebook

Novità tra le guide del Gambero Rosso. Ieri è stata infatti presentata a Roma la prima edizione edizione della guida Pane&Panettieri d'Italia. Una pubblicazione in cui si racconta ricerca, studio e sperimentazioni di coloro che sono considerati i "padri" della panificazione moderna. In tutto vengono segnalati 350 locali a cui sono stati assegnati voti da uno a tre. I parametri della valutazione hanno considerato il prodotto finito, il risultato finale, caratteristiche, stili, scuole e tecniche. I 36 panifici premiati con il massimo punteggio dei Tre Pani raccolgono anche 4 Premi speciali.

Padri della panificazione moderna, un premio riservato ai professionisti dai quali è partita la rivoluzione del pane moderno: Eugenio Pol - Vulaiga - Fobello (VC); - Davide Longoni - Milano; Ezio Marinato - Cinto Caomaggiore (VE); David Bedu - Pank La Boulangeria - Firenze; Gabriele Bonci - Roma; Panettiere emergente: Gianluca Del Canto del Micro Panificio Mollica - Carpi (MO); Pane dell`anno: Crosta - Milano - Pane di segale; "condito" con cioccolato costa d`Avorio di Marco Colzani; Pane e territorio: Cappelletti & Bongiovanni - Dovadola (FC).

David Bedu, francese di nascita ma fiorentino d'adozione, lavora da cinque anni all'interno del Mercato Centrale dove insieme ad alcuni soci ha partorito una boulangerie italo-francese che punta alla ricerca. Un cacciatore di materie prime come le farine macinate a pietra.  "Questa premiazione mi fa tanto piacere soprattutto nella sfida di Firenze.... città che amo tantissimo". "Sono francese nell'anima e fiorentino nel cuore... ma con un pizzico di sale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Grazie di cuore sono orgoglioso di portare avanti Firenze nel mio mondo dell'arte bianca..." E come poteva essere altrimenti. Infatti durante il medioevo, San Lorenzo, da cui prende il nome l'omonimo angolo cittadino dove lavora Bedu, era il santo padrone della corporazione dei fornai. Coincidenze e fatiche che hanno fatto lievitare un impasto unico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: un agriturismo "stupefacente". Cinque arresti a Pontassieve | VIDEO

  • Coronavirus: l'identikit di chi si ammala in Toscana

  • Coronavirus: presto l'obbligo, si esce solo con la mascherina 

  • Coronavirus: 173 nuovi casi e 18 decessi in Toscana 

  • Coronavirus, via alla distribuzione: si uscirà solo con le mascherine

  • Coronavirus: morto in ospedale tassista fiorentino

Torna su
FirenzeToday è in caricamento