Furti alla Stazione di S.M.N.: rubano il portafogli ad una donna

Fermati dagli agenti della polizia ferroviaria

La polizia ferroviaria

Nei giorni scorsi la polizia ferroviaria ha arrestato due cittadini romeni, di 51 e 52 anni, entrambi senza fissa dimora, per furto aggravato. I due stranieri, notati dagli operatori già da alcuni giorni aggirarsi con fare sospetto in prossimità della fermata della tramvia di Via Alamanni e presso la stazione di Firenze Rifredi, avevano infatti destato l’attenzione dei poliziotti di Santa Maria Novella. I due sono stati visti entrare ed uscire più volte dai bar della stazione con lo sguardo puntato sui bagagli delle persone presenti, scambiandosi delle reciproche occhiate di intesa. Quando i malviventi hanno individuato la loro vittima, una donna che stava prendendo un caffè in un bar, in pochi attimi hanno messo in azione il loro piano: l’hanno circondata e senza che la stessa si rendesse conto di quanto stava accadendo, sono riusciti a frugare nella borsa che teneva a tracolla, asportando un portafogli contenente 130 euro in contanti, documenti personali e carte di credito. Bloccati dalla polizia mentre uscivano dal locale, i due hanno tentato di disfarsi della refurtiva, gettandola sulla scala mobile della stazione, poi prontamente recuperata dagli agenti. La vittima, come spesso accade, è rimasta sorpresa quando i poliziotti della polfer le hanno chiesto di verificare il contenuto della sua borsetta: non si era accorta di quanto accaduto. La refurtiva è stata infine riconsegnata alla malcapitata.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Isolotto: il portellone si apre e la bara finisce in strada

  • Terremoto Firenze: la terra trema in città

  • Terremoto: la terra trema nel Fiorentino

  • Terremoto Firenze: danni in Mugello, oltre 200 cittadini fuori casa

  • Terremoto in Mugello, al lavoro per identificare la faglia: "Sciame sismico prosegue"

  • Violenza inaudita a Rufina: segregata e violentata per un mese dall'ex cognato

Torna su
FirenzeToday è in caricamento