Esodo estivo: borseggi alla stazione di Santa Maria Novella, due arresti 

Un terzo soggetto è finito in manette per aver molestato i passanti

In un solo giorno, nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di contrasto ai reati in ambito ferroviario nel periodo estivo, in cui si registra sempre un maggior afflusso di viaggiatori nelle stazioni, gli agenti del compartimento polizia ferroviaria per la Toscana hanno effettuato tre arresti nel giro di poche ore.
Il 6 agosto la Polfer è intervenuta all’interno di un esercizio commerciale della stazione di Firenze S.M.N. per la presenza di una persona che molestava i presenti. Sul posto la Polizia ha identificato un cittadino cubano di 45 anni regolarmente soggiornante in Italia. Durante gli accertamenti, gli Agenti hanno scoperto che sull’uomo pendeva un ordine di carcerazione per un reato contro la persona e per lui si sono subito aperte le porte del carcere di “Sollicciano”.

Sempre nella stessa giornata sono scattate le manette anche per due cittadini di origine tunisina di 36 e 50 anni, già noti alle forze di polizia, dei quali solo il più giovane era regolarmente soggiornante sul territorio nazionale.

Gli agenti li avevano notati aggirarsi con fare sospetto all’interno di Santa Maria Novella, per poi fermarsi davanti all’ingresso di un bar. Mentre uno dei due uomini rimaneva all’esterno, l’altro entrava all’interno del locale per poi uscirne poco dopo con un grosso zaino.

L’immediato intervento della polizia ferroviaria ha consentito di bloccare i due stranieri e di restituire lo zaino, pieno di effetti personali per le vacanze a Firenze, alla legittima proprietaria, una turista di nazionalità cinese, la quale, a causa dell’affollamento del locale, non si era accorta del furto subito.

Dagli accertamenti compiuti, gli agenti hanno anche riscontrato che, nel corso della loro permanenza in Italia, gli arrestati avevano fornito alle forze di polizia, in diverse occasioni, ben 12 e 15 nomi diversi. Il Tribunale di Firenze ha convalidato gli arresti disponendo nel contempo a carico di entrambi la misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. 

Inseguito in bicicletta dopo un borseggio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Isolotto: il portellone si apre e la bara finisce in strada

  • Terremoto Firenze: la terra trema in città

  • Terremoto: la terra trema nel Fiorentino

  • La migliore caffetteria d'Italia è a Firenze

  • Sgombero in via Baracca: coinvolte decine di famiglie, caos traffico / FOTO

  • La rinascita della Fortezza: dalla criminalità alla pista di pattinaggio più lunga d'Europa | FOTO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento