Furti in casa: preziosi rivenduti nei compro oro, tre sequestri

Un filone di un'indagine per una raffica di furti in abitazione ha portato al sequestro di tre negozi

Il sequestro dei carabinieri

Accettavano oro rubato nelle abitazioni e poi lo rivendevano dopo averlo fuso. Per questo i carabinieri di Scandicci hanno messo i sigilli a tre compro oro di Firenze. Il primo in via Ghibellina, "Gold Trend" (sebbene fosse un'oreficeria), il secondo in via Alamanni, La Boutique , e il terzo in via Baracca "Soldi Subito".  Sei, tra titolari e impiegati, tutti italiani, i denunciati con l'accusa di riciclaggio. Nel caso di Novoli già noti per alcuni precedenti per riciclaggio. 

L'indagine è il proseguio di un arresto, risalente al dicembre scorso, quando i carabinieri di Scandicci fermarono una banda di cittadini albanesi che stavano razziando le abitazioni della Piana Fiorentina e in alcuni casi anche del Pratese. 

Da quanto appurato dai militari del capitano Stefano Caneschi, centinaia di grammi d'oro rubato sono poi stati portati ai tre Compro Oro. Che, a loro volta, sarebbero stati consapevoli della provenienza furtiva della merce. Infatti sarebbero state omesse tutte le procedure, come la catalogazione dei prodotti e i giorni di possibile "riscatto" dei preziosi da parte dei clienti, portando le gioie in laboratori occulti dove sarebbero poi state fuse. Secondo il gip i compro oro erano "stabilmente inseriti nel mercato del riciclaggio agevolando così la commissione di furti". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Formaggio e uova richiamati per rischio contaminazione

  • Lavaggi in lavatrice senza sapone con le "sfere magiche": ecco la novità | FOTO

  • Incidente in via Nardi: scooter travolto da auto, 22enne gravissima

  • Firenze, gli eventi da non perdere questo weekend

  • Gavinana: senzatetto morta nei giardini / FOTO

  • Parcheggi su strisce blu: gratis per tutti i residenti a partire dal 30 marzo

Torna su
FirenzeToday è in caricamento