Furti in casa, sgominata un'altra banda: 4 arresti, in casa refurtiva per decine di migliaia di euro / FOTO

Operazione della squadra contro il crimine diffuso della polizia, si ipotizzano almeno dieci colpi

Questura di Firenze: gli uomini della sezione contrasto al crimine diffuso

Sgominata dalla polizia un'altra banda dedita ai furti in appartamento, composta da quattro uomini di nazionalità georgiana di età compresa tra i 30 e i 36 anni.

L'operazione, compiuta dagli uomini della quarta sezione contrasto al crimine diffuso guidata dal vicequestore aggiunto Antonio Nori, è scattata ieri mattina in viale De Amicis, in zona Campo di Marte.

Da tempo la polizia seguiva gli spostamenti dei quattro uomini. Agenti in borghese ieri, dopo averli intercettati, li hanno seguiti fino a viale De Amicis, dove i quattro sono arrivati in auto.

Uno è rimasto in macchina, mentre gli altri sono entrati dentro un palazzo, per uscirne una quarantina di minuti dopo, depositando un sacco nella vettura.

Quando sono ripartiti è scattato il fermo da parte degli agenti. I quattro addosso avevano orologi preziosi e altri oggetti poi riconosciuti come rubati da un appartamento nel palazzo appena 'visitato'.

All'interno dell'auto era inoltre presente una vasta gamma di attrezzi da scasso: chiavi modificate, grimaldelli e altro ancora.

Per tutti e quattro è scattato l'arresto. E' seguita anche la perquisizione nell'abitazione dove vivevano, ad Empoli. Qui gli agenti hanno rinvenuto moltissimo altro materiale ritenuto provento di furti: macchine fotografiche, orologi Rolex, argenteria, penne da scrivere pregiate, computer portatili, telefoni cellulari, oltre a migliaia di euro in contanti (tutto materiale che sarà catalogato e messo sul sito della questura di Firenze, per essere eventualmente riconosciuto dai legittimi proprietari).

Gli inquirenti ipotizzano che gli arrestati siano autori di almeno una decina di colpi in altrettante abitazioni, come spiegato in conferenza stampa dal capo della squadra mobile Antonino De Santis. La refurtiva, il cui valore deve essere ancora quantificato nel dettaglio, potrebbe avere complessivamente un valore di diverse decine di migliaia di euro.

L'abitazione era nella disponibilità di un quinto uomo, padre di uno degli arrestati: per lui è scattata la denuncia per ricettazione. Gli arrestati, risultati privi di permesso di soggiorno, hanno già precedenti alle spalle, anche per furti.

In casa avevano ogni tipo di strumento per 'allenarsi' a forzare od aprire le porte delle abitazioni, tra cui numerose chiavi, modificate in vario modo, e serrature smontate con le quali fare le 'prove'. Ora sono nel carcere di Sollicciano.

Rubavano in casa fingendosi carabinieri: arrestata banda di ladri

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi incidente a Ponte a Greve: traffico bloccato / FOTO

  • Tentati furti in casa: attenti alle fascette di plastica 

  • Giornata mondiale della pizza: ecco le pizzerie da provare a Firenze

  • Palazzo Vecchio: nuovi concorsi per posti di lavoro a tempo indeterminato in Comune

  • Mette in scena il suo funerale con tanto di carro d'epoca e corteo funebre

  • Incidente a Novoli: traffico bloccato / FOTO 

Torna su
FirenzeToday è in caricamento