Fucecchio, rinnovata l'ordinanza anti-prostituzione

Nel 2014 la polizia municipale ha multato 23 persone tra clienti e "lucciole"

Lotta alla prostituzione nel comune di Fucecchio. Il sindaco Alessio Spinelli ha rinnovato l’ordinanza che vieta la contrattazione di prestazioni sessuali a pagamento e di intrattenersi con soggetti che esercitano palesemente l'attività di meretricio su strada. L’ordinanza, in vigore dal settembre 2010, ha lo scopo di contrastare la presenza di prostitute nelle strade collinari ed in particolare lungo la strada provinciale 15 “Romana-Lucchese” nei pressi della frazione di Galleno. 

Nel 2014 l’attività di controllo della polizia municipale ha consentito di elevare 23 multe nei confronti di prostitute e clienti che, sulla base delle norme contenute nel testo, che appunto vietano l’attività di meretricio sul territorio comunale, rischiano fino a 500 euro di multa. 

 “Ho ritenuto importante rinnovare l’ordinanza – ha spiegato il sindaco – perché la prostituzione su strada è fonte di sfruttamento, può rappresentare una minaccia alla sicurezza dei cittadini e crea un danno di immagine al nostro territorio. La polizia municipale continuerà il proprio impegno e intensificherà ulteriormente i controlli per combattere questa piaga”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colossale truffa nel mondo del vino: Brunello e Champagne falsi

  • Tragedia in centro: muore a 28 anni in un incidente stradale / FOTO

  • Incidente a Bagno a Ripoli: muore 38enne fiorentino 

  • Cosa fare questo fine settimana a Firenze

  • Bancarotte a "catena" nei ristoranti: arrestati imprenditori 

  • Coronavirus: 1 decesso, 3 nuovi casi a Firenze

Torna su
FirenzeToday è in caricamento