Fucecchio: in difficoltà economica si inventa rapina

I carabinieri però lo hanno scoperto

La paura di indebitarsi e le difficoltà economiche lo hanno portato a inventarsi di sana pianta una rapina nel centro di Fucecchio. Protagonista un 48enne che si è presentato alla caserma dei carabinieri dicendo di esser stato aggredito mentre saliva in auto da un uomo che gli aveva puntato un coltello alla schiena e che poi era fuggito con il suo portafoglio al cui interno vi erano 1100 euro.

Il racconto dell'uomo, però, è risultato piuttosto lacunoso. Inoltre ha spiegato di non ricordare alcun particolare dell'aggressore. Titubanze e incertezze che hanno insospettito i militari dell'Arma che hanno ripercorso la strada fatta dalla “vittima”, grazie anche ad alcune telecamere presenti in zona, capendo poi che la rapina non c’era mai stata.

I militari hanno poi trovato il portafoglio nascosto nella ruota di scorta della vettura. A quel punto il 48enne non ha potuto far altro che confessare dicendo che aveva inventato tutto ammettendo difficoltà economiche e l’impossibilità di far fronte ad alcuni impegni assunti.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tramvia, folla all'inaugurazione della T1. Nardella: “Giorno straordinario, Firenze cambia in meglio” / FOTO

  • Politica

    Palazzo Vecchio: 'sacrificata' Concia, Massimo Fratini nuovo assessore

  • Cronaca

    Droga, spaccio nel parco dei bambini: arrestato 30enne / VIDEO

  • Cronaca

    Maltempo in Mugello, gli agricoltori: "Gravi danni alle coltivazioni"

I più letti della settimana

  • 5 libri ambientati a Firenze da leggere sotto l'ombrellone

  • Tramvia: fine pre-esercizio, trovati i difetti della nuova linea

  • Scandicci: nasce il secondo parco più grande di tutta l'area metropolitana

  • Joe Bastianich in vacanza in città

  • Tentato suicidio al Ponte San Niccolò: salvato da un sordomuto

  • Malore durante il bagno a Rimini: turista fiorentina perde la vita 

Torna su
FirenzeToday è in caricamento