Fucecchio: in difficoltà economica si inventa rapina

I carabinieri però lo hanno scoperto

La paura di indebitarsi e le difficoltà economiche lo hanno portato a inventarsi di sana pianta una rapina nel centro di Fucecchio. Protagonista un 48enne che si è presentato alla caserma dei carabinieri dicendo di esser stato aggredito mentre saliva in auto da un uomo che gli aveva puntato un coltello alla schiena e che poi era fuggito con il suo portafoglio al cui interno vi erano 1100 euro.

Il racconto dell'uomo, però, è risultato piuttosto lacunoso. Inoltre ha spiegato di non ricordare alcun particolare dell'aggressore. Titubanze e incertezze che hanno insospettito i militari dell'Arma che hanno ripercorso la strada fatta dalla “vittima”, grazie anche ad alcune telecamere presenti in zona, capendo poi che la rapina non c’era mai stata.

I militari hanno poi trovato il portafoglio nascosto nella ruota di scorta della vettura. A quel punto il 48enne non ha potuto far altro che confessare dicendo che aveva inventato tutto ammettendo difficoltà economiche e l’impossibilità di far fronte ad alcuni impegni assunti.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Varlungo: blitz dove viveva il presunto stupratore della studentessa / FOTO

  • Cronaca

    Sfratti, il dramma di una giovane coppia: “Tre bimbi, finiamo in strada”

  • Eventi

    Wired Next Fest, l'edizione della tecnologia e della semplicità

  • Cronaca

    Scuola: è fiorentino il primo gioco online per imparare la matematica

I più letti della settimana

  • Putiferio a Palazzo Strozzi: aggredita l'artista Marina Abramovic / FOTO

  • Piazza Leopoldo: ragazza picchiata senza motivo in tramvia

  • Pizza Tre Spicchi: il Gambero Rosso premia ancora Firenze

  • Overdose alla Fortezza: accertamento della morte cerebrale per la 21enne 

  • Scenetta di Ryan Reynolds prima dello spettacolare incidente: "Adoro la tranquillità"

  • “Mezzi pubblici 'vietati' agli immigrati”: bufera sul cartello a Pelago

Torna su
FirenzeToday è in caricamento