Senzatetto muore assiderato. Il Comune: "Porte aperte a tutti per il gelo"

Temperature abbondantemente sotto lo zero nella notte: l'uomo aveva rifiutato l'accoglienza

Le temperature gelide di questi giorni - la scorsa notte a Firenze si sono registrati sei gradi sotto lo zero - costano la vita a chi non ha un tetto sotto il quale vivere. Un uomo senza fissa dimora di 48 anni è stato trovato morto questa mattina nel giardino tra il lungarno Santa Rosa e le mura di San Frediano. L'uomo, di nazionalità polacca, è morto per assideramento.

I carabinieri e il 118 sono intervenuti su segnalazione di alcuni passanti che avevano segnalato la presenza di una persona senza vita. Al momento del ritrovamento l'uomo non aveva i documenti ed è stato riconosciuto da un altro senzatetto. La salma è stata trasportata a medicina legale per esame autoptico disposto dall'autorità giudiziaria. 

Sull'episodio è intervenuta l'assessore al welfare del Comune di Firenze Sara Funaro, che ha fatto sapere come l'uomo, "un paio di settimane fa rifiutò l'accoglienza" da parte degli operatori delle strutture di accoglienza, dalle quali era conosciuto. "Gli operatori e i volontari lo hanno incontrato molte volte - ha spiegato l'assessore - l’uomo ha infatti trascorso lo scorso inverno nelle strutture che abbiamo messo a disposizione per l’attivazione del servizio di accoglienza invernale, dove è stato ospite l’ultima volta a marzo dell’anno scorso”.

“I volontari delle Unità di strada hanno svolto il servizio in città anche ieri sera quando, intorno a mezzanotte, si sono recati sul Lungarno Santa Rosa dove l’uomo che stanotte ha perso la vita non era presente - ha continuato - c’erano invece altre due persone senza fissa dimora, a cui hanno offerto coperte e pasti caldi. Il 48enne non lo incontravano da diversi giorni".

Viste le rigide temperature di queste notti, oggi e domani sono previste uscite aggiuntive, a quelle svolte regolarmente, delle Unità di strada.
L’assessore Funaro coglie l’occasione per rinnovare ai fiorentini l’appello affinché segnalino le persone che dormono per strada e invitarle ad accettare l’accoglienza alle Foresterie Pertini e del Fuligno e presso l’Accoglienza Salesiani di via Gioberti: "In questi giorni di grande freddo le porte sono aperte per tutti. Non viene rimandato via nessuno, neanche all’Albergo popolare”, spiega. Anche le Misericordie di tutta Italia in questi giorni hanno aperto le porte a tutti coloro che si vogliono rifugiare dal freddo.

Per le segnalazioni di persone in difficoltà è possibile chiamare l’Albergo popolare allo 055-211632 albergo o il Centro di ascolto ai numeri 055/46389272 - 055/46389273 (Sportello del Centro ascolto Caritas in via Faentina, civico 32, aperto con il seguente orario: il lunedì e il sabato dalle 9 alle 13 e il giovedì dalle 14 alle 16) oppure inviare una e-mail all’assessorato al Welfare all’indirizzo assessore.funaro@comune.fi.it.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Il Papa arriva nel Mugello

    • Cronaca

      Reporter detenuto in Turchia: Gabriele Del Grande è libero

    • Cronaca

      Pestaggio a Canazei: denunciati tre fiorentini 

    • Economia

      Commercio, nuovo sciopero per il 25 Aprile e Primo Maggio

    I più letti della settimana

    • Sesso in strada in via Palazzuolo, Nardella: "Intollerabile"

    • Galluzzo, cadavere carbonizzato in un furgone / FOTO

    • San Frediano, l'ex cinema Eolo diventa un supermercato

    • Falso allarme bomba in Piazza Indipendenza / FOTO

    • Cinghiali in città: incidente stradale per Caterina Biti

    • Figuraccia del sindaco: parcheggia l'auto sulle strisce pedonali

    Torna su
    FirenzeToday è in caricamento