Sant’Ambrogio, fratelli pusher nascondono la droga dentro le pareti dei palazzi

Due fratelli sono stati arrestati dopo esser stati scoperti a cedere della droga nella zona del mercato di Sant'Ambrogio. La coppia beneficiava dell'asilo politico

Ieri sera due cittadini etiopi, di 28 e 32 anni, sono stati arrestati con l’accusa di spaccio di stupefacenti dopo esser stati scoperti dalla polizia mentre cedevano  della marijuana nella zona del mercato di Sant’Ambrogio. Inoltre si è scoperto che la coppia, entrambi beneficiavano dell’asilo politico, sfruttava le pareti di una palazzo di via dè Macci per nascondervi la droga.

Il nascondiglio è stato scoperto dagli agenti grazie ad un appostamento. Infatti gli uomini del 113 dopo aver assistito ad una compravendita di droga hanno notato come parte dello stupefacente venisse occultato in un muro. Per questo gli agenti hanno fermato i due fratelli, che a loro carico vantano precedenti per spaccio. Recuperati oltre 20 grammi di marijuana e 210 euro in contanti. Denaro che si presume sia provento dell’attività di vendita. Gli agenti hanno sequestrato anche un cellulare da cui è stato possibile ricavare la rete di acquirenti dei due africani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Toscana 35 nuovi casi: il doppio rispetto a ieri. I decessi sono 5, di cui 4 nel Fiorentino

  • Femminicidio a Cuneo: fermato un ex militare fiorentino

  • Coronavirus Toscana: "La grande truffa delle sanificazioni"

  • Coronavirus: in Toscana positivo l'1%. Quattro su cinque sono asintomatici

  • Controlli a Fiesole: arrestato 24enne 

  • Paura Isolotto: ambulanza esce di strada e finisce contro una vetrina / FOTO 

Torna su
FirenzeToday è in caricamento