Foto "rubate" a ragazze su Facebook portano a blog porno

Numerosi gli episodi segnalati alla polizia postale

Foto prese dai profili Facebook di avvenenti ragazze fiorentine, ma anche di Prato e Pistoia, che vengono associate al link di un blog con contenuti pornografici. Il tutto all'insaputa delle interessate. Foto, peraltro, spesso oggetto di raffiche di offese gratuite e commenti oltremodo coloriti. Un sistema di ingaggio social che va a discapito delle giovani vittime. Gli episodi, che vedrebbero protagoniste anche foto di minorenni al momento di scatti e selfie, sarebbero già stati segnalati alla polizia postale. Almeno una decina le ragazze che si sarebbero interfacciate con gli agenti di Via della Casella. 

Un fenomeno, quello delle foto scaricate dai social, che si estenderebbe su scala nazionale e sarebbe stato affrontato una decina di giorni fa anche dal programma Le Iene. La trasmissione di Italia1 ha portato alla luce una modalità in cui gruppi di soggetti usano foto di ragazze - condivise su stanze virtuali - per masturbarsi. Perversione a cui si aggiunge il fatto che spesso vengano correlate da pesanti ingiurie e dati delle malcapitate. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Via Sernesi, rumori sospetti: nessun colpo di pistola

  • Cronaca

    Pitbull aggredisce cani in centro a Empoli: il sindaco chiede sicurezza  

  • Incidenti stradali

    Autostrada A1: tir si ribalta tra Calenzano e Barberino / FOTO

  • Eventi

    Manifattura Richard Ginori: speciale "Christmas sale" a fine novembre

I più letti della settimana

  • Vip: Tina Cipollari a Firenze per amore / FOTONOTIZIA

  • Tramvia: test per la nuova linea, la pensilina strabocca / FOTO

  • Stazione: fan in coda per il rapper Salmo / FOTO  

  • I Medici: tutti i falsi storici della serie tv in un tour

  • Nobile fiorentino nei guai: irreperibile per 20 anni deve pagare maxi debito al fisco

  • Alessandro Maria: ricerca del donatore di midollo a Firenze

Torna su
FirenzeToday è in caricamento