Ecco come Mutu ha ridotto il cameriere: diffuse le foto

Si dice amareggiato il cameriere Racaj Beratin per non aver ricevuto le scuse di Adrian Mutu per la violenza subita. Presenterà la sua versione dei fatti tramite il suo avvocato, insieme alle foto dell'aggressione

Si è scusato con tutti, “proprietà, società, staff tecnico, compagni e tifoseria”, ma non con il diretto interessato. Le lettera di Adrian Mutu, scritta in seguito all'episodio di violenza avvenuto lo scorso 23 ottobre fuori dalla discoteca Full Up, non si rivolge alla vittima, il cameriere Racaj Beratin al quale il giocatore viola ha procurato la rottura del setto nasale e una prognosi di 25 giorni e che, per questo, è stato denunciato a piede libero dal Nucleo Radiomobile dei Carabinieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il cameriere si dice amareggiato per non aver ricevuto le scuse del suo aggressore e dichiara, di voler rendere pubblica la sua versione dei fatti, tramite il suo avvocato Luca Speziani, che spiega: “Il mio assistito, ritenendo doveroso rendere note all'opinione pubblica le conseguenze della selvaggia aggressione subita lo scorso 23 ottobre, mi ha spontaneamente consegnato la fotografia scattata subito dopo il pestaggio” che testimonia la presenza di ferite sulla fronte, sul naso e di lividi sotto gli occhi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Einaudi Institute: "La Toscana arriverà per ultima a quota zero contagi"

  • Fare la spesa in Toscana al tempo del Covid-19: ecco cosa cambia

  • Bambini mezz'ora a spasso, Prato contro Firenze: "Allucinante, vi siete accorti che c'è una pandemia?"

  • Coronavirus, emergenza studenti fuori sede: “In 10mila non riescono più a pagare l’affitto”

  • Coronavirus: fase acuta dell'emergenza, i casi nel Fiorentino 

  • Coop: chiusi la domenica tutti i punti vendita fino a metà aprile

Torna su
FirenzeToday è in caricamento