Figline: minaccia barista con un coltello per non pagare la birra

L'intervento del figlio del titolare e dei carabinieri ha evitato il peggio: arrestato 31enne tunisino irregolare

Ha minacciato con un coltello il titolare di un bar per non pagare una bottiglia di birra da 3 euro. E' successo a Figline Valdarno, dove ad intervenire è stata una pattuglia dei carabinieri del posto, allertata da una telefonata pervenuta alla centrale operativa dal gestore di un distributore di carburanti vicino al bar il cui titolare era sotto la minaccia di un coltello da parte di un 31enne tunisino irregolare.

Dopo aver bevuto in parte la birra ha cercato prima di trarre in inganno il gestore del bar dicendo di averla già pagata, ma resosi conto di non aver sortito il risultato sperato non ha esitato a minacciarlo con un coltello, puntandolo al collo dell’esercente e confermando che non era sua intenzione pagare la birra.

Il malfattore non è però riuscito nel suo intento grazie all’intervento del figlio del titolare e dell’immediato sopraggiungere della pattuglia giunta rapidamente sul posto. I militari hanno cosi' arrestato l'uomo, rilevando nei confronti del cittadino extracomunitario gravi indizi di colpevolezza per il reato di tentata estorsione. L'uomo è ora nel carcere fiorentino di Sollicciano.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fratelli morti in hotel, l'autopsia: arresto cardiorespiratorio da intossicazione di stupefacenti

  • Stazione di Rifredi: ragazza muore investita dal treno / FOTO

  • Paura all'aeroporto di Peretola: tenta di disarmare militare dell'Esercito

  • Parcheggi sulle strisce blu: “Dal 2020 gratis per i residenti in tutte le Zcs”

  • Vedere Richard Gere a Firenze: ecco come fare 

  • Fiorentina, Nardella: “Nuovo stadio a Campi? Mi opporrò con tutte le forze”

Torna su
FirenzeToday è in caricamento