'Festa del sacrificio': raccolta firme del Partito Animalista per vietare la 'macellazione rituale'

L'appello al governo in vista dell'avvicinarsi dell'appuntamento, che si terrà l'11 agosto

Foto Partito Animalista

ll Partito Animalista Italiano, visto l’avvicinarsi della 'festa del sacrificio', ha iniziato una raccolta firme per "sollecitare il Governo della Repubblica Italiana a vietare la macellazione rituale senza stordimento attraverso un’ordinanza ministeriale, come prevede la normativa", come si legge in una nota diffusa agli organi di stampa.

"La festa del sacrificio inizierà l’11 agosto e vedrà l’uccisione di migliaia di animali senza stordimento (l'Italia è uno dei pochi Paesi in cui la macellazione rituale senza stordimento è permessa); questa, inoltre, dovrebbe essere praticata solo in mattatoi specializzati, ma negli ultimi anni si è assistito a scene di sgozzamento in strade pubbliche.
Giudichiamo questa pratica crudele e anacronistica e per questo motivo chiediamo un immediato intervento del Governo", si legge nel comunicato diffuso dal Pai, che ha lanciato anche una petizione sulla nota piattaforma Change.org. Di seguito il testo della petizione:

"Nelle ultime elezioni tutti si sono detti amanti degli animali: tra pochi giorni inizierà il giorno del sacrificio, giorno in cui i musulmani celebrano la loro ricorrenza religiosa più importante sgozzando animali vivi in Italia, senza stordirli, causando loro terribili sofferenze.

Il regolamento europeo impone lo stordimento preventivo degli animali prima della macellazione, ma, nel caso di festività religiose, permette ai singoli stati di adottare deroghe speciali, e il governo italiano ha acconsentito a questa modalità barbara.

La macellazione senza stordimento non è praticata solamente dai musulmani, ma è anche del rito ebraico, dovrebbe essere svolta solamente in mattatoi “specializzati”, ma durante questa festa si assistono ad esecuzioni anche nelle strade pubbliche.

Il Partito Animalista Italiano chiede urgentemente al Governo della Repubblica Italiana di vietare questa pratica crudele che porta sofferenze totalmente ingiustificate agli animali attraverso un’ordinanza ministeriale che può essere deliberata subito, in una singola notte".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Isolotto: il portellone si apre e la bara finisce in strada

  • Terremoto Firenze: la terra trema in città

  • Terremoto: la terra trema nel Fiorentino

  • La migliore caffetteria d'Italia è a Firenze

  • Sgombero in via Baracca: coinvolte decine di famiglie, caos traffico / FOTO

  • La rinascita della Fortezza: dalla criminalità alla pista di pattinaggio più lunga d'Europa | FOTO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento