Estremisti di destra a Siena, arresti convalidati ma non è terrorismo

Andrea Chesi va ai domiciliari, obbligo di dimora per il figlio Yuri

Il gip del tribunale di Siena ha convalidato gli arresti di Andrea Chesi e del figlio Yuri, ritenuti dalla Dda e della procura di Firenze a capo di un gruppo di estremisti di destra che progettava di far saltare in aria la moschea di Colle Val D'elsa e custodiva un vero e proprio arsenale di armi nella campagna senese.  

Lo stesso giudice ha tuttavia escluso l'aggravante del terrorismo che veniva contestata ai due arrestati dagli inquirenti. Il gip ha quindi disposto gli arresti domiciliari per il padre Andrea, impiegato di banca e l'obbligo di dimora per il figlio Yuri.

I due, entrambi incensurati, restano indagati insieme ad altre 10 persone per detenzione abusiva di armi correlata alla costituzione di un’associazione eversiva. Intanto l'inchiesta prosegue: gli investigatori stanno setacciando i cellulari e i computer sequestrati ai membri del gruppo insieme alle armi e all'esplosivo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Via Baracca: vinti 500mila euro con un "Gratta e Vinci"

  • Coronavirus: anche in Toscana nuove misure per chi torna dalla Cina

  • Lavoro: concorso per 84 assunzioni in Regione Toscana

  • Donna morta in hotel: "gioco erotico finito male", indagato il compagno

  • Firenze, gli eventi da non perdere questo weekend

  • Coronavirus: Rossi-Burioni, rissa sui social per la quarantena dei cinesi

Torna su
FirenzeToday è in caricamento