Cannabis: il governatore Rossi firma la proposta dei Radicali

"E' l'ora che il Parlamento approvi una legge"

C'è anche la firma del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi sotto la proposta di legge di iniziativa popolare "Legalizziamo", per legalizzare la cannabis e la libertà di auto-coltivazione, promossa, tra gli altri, dai Radicali Italiani. Il presidente si è recato presso la sede nazionale del movimento a Roma in Largo Argentina "per offrire un gesto concreto di sostegno all'azione in corso del gruppo interparlamentare ed un ulteriore contributo ad una battaglia culturale e politica contro un proibizionismo che ha mostrato in modo evidente di essere una ricetta fallimentare". Ad accogliere il presidente toscano, accompagnato dal consigliere speciale per la "Toscana dei Diritti", Enzo Brogi, c'era Maria Rita Bernardini, ex segretario nazionale dei Radicali Italiani e figura simbolo del movimento per i diritti civili nel nostro Paese ed in particolare per quelli delle persone detenute in carcere.

"In Toscana – ha detto Rossi - abbiamo una legge regionale per l'uso terapeutico della cannabis, nata su proposta del consigliere Brogi, e ora stiamo lavorando per estendere sempre di più l'uso terapeutico anche a forme diverse di dolore oltre a quello oncologico e reumatico. Chi ha fatto uso terapeutico della cannabis ne riconosce l'efficacia, con conseguenze meno impattanti e problematiche per molte malattie, e c'è la convinzione da parte dei medici che sia una terapia giusta, lenitiva del dolore, e che davvero contribuisca a migliorare qualità della vita delle persone malate".

Peraltro sulla base della spinta data in Toscana all'uso terapeutico della sostanza l'Istituto farmaceutico militare di Firenze produce ora la cannabis e la trasforma per consentirne l'uso terapeutico. Il presidente ha anche raccontato di aver parlato con un governatore del Colorado, "stato dove i democratici hanno vinto, forse anche per questo" alle recenti presidenziali, e dove la legalizzazione della cannabis ha prodotto cose positive, tra cui la separazione tra mercato delle droghe leggere e di quelle pesanti. La tassa poi introdotta sulla vendita delle droghe leggere ha portato un incasso importante che viene reinvestito per curare le persone.

"In sostanza – ha concluso Rossi - penso che siano maturi i tempi perché lo stesso atteggiamento non di repressione, ma di abitudine al consumo, di capacità di controllarne gli effetti che abbiamo ad esempio verso l'alcol sia applicato per la cannabis. Si tratta di educare a un uso corretto e non nocivo, nella convinzione che l'aspetto ludico dentro l'uomo sia insopprimibile e che è giusto che abbia il suo sviluppo, controllato e regolato consapevolmente. La proposta di legge va nella giusta direzione. Sarebbe venuto il momento che il parlamento italiano producesse la legge giusta".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Delirio in Via de'Pucci: chiuso lo Shot Cafè

  • Stazione di Rifredi: ragazza muore investita dal treno / FOTO

  • Paura all'aeroporto di Peretola: tenta di disarmare militare dell'Esercito

  • Crac Costruzioni Margheri: sette condanne per bancarotta

  • Carceri: sesso per i detenuti, chiesto intervento della Regione  

  • San Jacopino: allarme bomba / FOTO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento