Riduzione in schiavitù: costretta a chiedere l'elemosina al semaforo in Piazza Dalmazia

In manette tre connazionali della vittima, tutti accusati di riduzione in schiavitù

Elemosina

Ieri la polizia ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di due uomini e una donna - tutti di nazionalità rumena - accusati di aver ridotto in schiavitù una 22enne, loro connazionale e “moglie” di uno degli arrestati. Le indagini della squadra mobile, diretta da Giacinto Profazio, coordinate dalla Procura della Repubblica, hanno consentito di accertare che la ragazza, arrivata in Italia l’estate scorsa, sarebbe stata minacciata e costretta, dal marito e dai parenti acquisiti, a mendicare per le strade e le piazze della città.