Droga, Nardella: "Se necessario agenti nelle scuole"

Il sindaco: "Legalizzare quelle leggere"

Per contrastare l'uso delle droghe "in casi estremi, se la questura e le forze dell'ordine lo ritengono necessario, si consenta agli agenti di entrare nelle scuole. Lo dico per un semplice motivo: la legalità si rispetta in ogni spazio dello Stato, aperto o chiuso che sia". Lo dice il sindaco di Firenze Dario Nardella intervistato a Lady Radio, che propone anche "un lavoro sull'educazione, la formazione e l'informazione nelle scuole, perche' il consumo di droghe, soprattutto pesanti, sta diventando un problema serio". 

Detto questo "non sono contrario alla legalizzazione delle droghe leggere. Attenzione, non sto parlando di liberalizzazione, ma di legalizzazione". Ciò vuol dire "governare questo fenomeno, che è un modo per stroncare la malavita e la criminalità che prospera alle spalle di tanti giovani e di tante persone indifese".  (Agenzia Dire)
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fare la spesa in Toscana al tempo del Covid-19: ecco cosa cambia

  • Coronavirus: dipendente Esselunga risultato positivo al Covid-19

  • Bambini mezz'ora a spasso, Prato contro Firenze: "Allucinante, vi siete accorti che c'è una pandemia?"

  • Coronavirus, emergenza studenti fuori sede: “In 10mila non riescono più a pagare l’affitto”

  • Coronavirus: fase acuta dell'emergenza, i casi nel Fiorentino 

  • Coronavirus: il quartiere è deserto e una famiglia di anatre arriva fino alla farmacia

Torna su
FirenzeToday è in caricamento