Droga, lungarno Soderini tra sporcizia e siringhe: "Qui si 'bucano' anche i ragazzini" / FOTO

L'amministratore del gruppo 'Segnalazioni Quartiere 1': "Situazione fuori controllo"

Rifiuti e sporcizia, e numerose siringhe, usate per 'farsi' di eroina. La testimonianza di Simone Scavullo, presidente del comitato 'Cittadini per Firenze' e amministratore del gruppo Facebook 'Segnalazioni Quartiere 1' è agghiacciante.

Siamo sulle sponde del lungarno Soderini, non lontano dal ponte Vespucci. Nel pieno centro di Firenze, anche se in un angolo meno illuminato rispetto alle vetrine luccicanti di via Tornabuoni.

"Si bucano anche i ragazzini, giovanissimi, li ho visti con i miei occhi. Tutto in pieno giorno", dice Scavullo, che ha postato le foto che vedete su Facebook e segnalato il caso all'assessore al decoro urbano Alessia Bettini.

Naturalmente non si tratta solo di 'decoro' e sicurezza: la recente impennata, segnalata pure dagli addetti ai lavori, dell'uso dell'eroina, anche tra i giovanissimi, è un dramma sociale di cui si parla poco.

"Le foto sono state scattate ieri (venerdì 13 settembre), ma chiunque può rendersi facilmente conto della situazione. Chi si 'fa' viene qua, si guarda intorno, 'scende' giù e poi capita che lasci la siringa - prosegue Scavullo -. Lo spaccio è un continuo, una situazione fuori controllo".

Intorno rifiuti di ogni genere: bottiglie di plastica e di vetro, copertoni e quant'altro.

Cresce il consumo tra i giovani, allarme eroina 'low cost'

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sgombero in via Baracca: coinvolte decine di famiglie, caos traffico / FOTO

  • Centro: ex calciante rapina negozio di canapa sativa

  • Pelago, violenta rissa per un parcheggio: prognosi fino a 30 giorni, 4 denunciati

  • Salvini a Firenze, le sardine riempiono piazza della Repubblica: "Siamo 40mila" / FOTO - VIDEO

  • La rinascita della Fortezza: dalla criminalità alla pista di pattinaggio più lunga d'Europa | FOTO

  • Cade in Arno, trascinato dalla corrente fino alla pescaia: salvato

Torna su
FirenzeToday è in caricamento