Cooperante fiorentino morto a Capo Verde: al via l'autopsia in Italia

Indagini in corso

Questa mattina è iniziata l’autopsia (disposta dal pm romano Erminio Amelio) su David Solazzo, il cooperante fiorentino trovato morto il primo maggio nella sua casa nell'isola di Fogo, a Capo Verde.

La notizia della morte del giovane 

Il corpo del trentenne è rientrato in Italia sabato scorso. La famiglia ha presentato un esposto alla Procura di Roma che ha aperto un fascicolo per omicidio colposo.

 Il ragazzo si trovava nell'arcipelago della costa nord occidentale dell'Africa per coordinare per l'Ong Cospe,  il progetto 'Rotas de Fogo', che punta alla realizzazione di azioni per il rafforzamento del turismo rurale e sostenibile nell’Isola di Fogo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Di fatti era già stata disposta un’autopsia nell’ambito dell’inchiesta dell’autorità locale. L’esame aveva stabilito che David sarebbe morto per un'emorragia provocata da tagli profondi sul braccio destro.

L’autopsia sul corpo di David a Capo Verde

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Toscana 35 nuovi casi: il doppio rispetto a ieri. I decessi sono 5, di cui 4 nel Fiorentino

  • Le Frecce tricolori volano "a domicilio": il giro d'Italia passa da Firenze

  • Incidente lungo la linea 1: camion si schianta sulla tramvia / FOTO

  • Femminicidio a Cuneo: fermato un ex militare fiorentino

  • Coronavirus: in Toscana positivo l'1%. Quattro su cinque sono asintomatici

  • Fase 2: hotel al collasso, lavoratori alla fame. Confindustria Firenze: "Situazione sociale sarà drammatica"

Torna su
FirenzeToday è in caricamento