Lavoro, spesa, acquisti, spostamenti e giardini pubblici: cosa posso fare e quando serve l'autocertificazione

Le risposte a tutte le domande su come comportarsi quando si esce di casa

Il modulo di autocertificazione va portato con sé ogni volta che si esce da casa: a piedi, in auto, in bici, con qualunque mezzo. Anche per gli spostamenti nello stesso Comune, nello stesso quartiere, nella stessa via. Lo ha sottolineato il capo della protezione civile Angelo Borrelli.

Nelle ultime ore, i cittadini si stanno districando tra autocertificazioni, lavoro, passeggiate, uscite ai giardini con i bambini. Difficoltosamente, perché non tutti i punti del provvedimento emesso ieri sera dal premier Giuseppe Conte sono chiari.

Ecco quindi le risposte alle domande più “calde” in queste ore.

Dove prendo il modulo di autocertificazione?
Il modulo di autocertificazione è scaricabile dal sito del Ministero dell'Interno oppure direttamente da questo link: modulo_autodichiarazione-2. Se non si ha il modulo con sé, saranno le forze dell'ordine a fornirlo e a farlo compilare in loro presenza.

Serve il permesso per andare a fare la spesa?
Sì, sempre. Per rifornirsi di generi alimentari o indispensabili, ovviamente ci si può spostare. Sul modulo, bisogna barrare la casella "situazione di necessità". Raccomandato il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro.
 
E per andare in farmacia?
Come per la spesa. Ci va uno, non tutta la famiglia, con l'autocertificazione in tasca. Ovvio che l'acquisto di farmaci rientri tra gli acquisti necessari e l'approvvigionamento sarà sempre garantito.

Cosa mi serve per andare al lavoro?
Il modulo di autocertificazione, su cui barrare la casella “comprovate esigenze lavorative". Bisogna specificare per quale azienda si presta l'opera. È consentito lo spostamento da casa alla sede di lavoro e viceversa senza deviazioni non necessarie. Le forze dell'ordine controllano a posteriori la veridicità della dichiarazione e se il lavoratore ha o no la possibilità di smart working.

Se lo spostamento per ragioni di lavoro è quotidiano devo certificarlo ogni volta?
Nel modulo si può specificare la cadenza con la quale si ha necessità di spostarsi per poter recarsi al lavoro. È comunque consigliato portare sempre con sé l'autocertificazione.

Ho bisogno di un permesso anche se devo andare dal medico?
Si. I motivi di salute sono sempre una giustificazione valida per muoversi. È possibile andare a fare analisi, una visita specialistica, una terapia. Se si ha un certificato medico o una prescrizione meglio portarla con sé, diversamente basta l'autocertificazione (che verrà verificata) barrando la casella "motivi di salute".

Se mi trovo in una città e devo tornare a casa in un'altra località sono giustificato?
Assolutamente sì, il rientro nel luogo di residenza o domicilio o comunque presso la propria abitazione è prevista nelle quattro opzioni del modulo di autocertificazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si può andare a correre, portare i bambini a giocare o fare una passeggiata al parco o ai giardinetti?
Si. Non c'è divieto di passeggiata o attività ginniche o ludiche e simili nei giardini pubblici, perché il decreto Conte consente le attività motorie all'aperto in parchi e giardini, sempre mantenendo il metro di distanza. Lo ha confermato il Viminale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in arrivo un nuovo Dpcm: stop ai voli, rinvio per le discoteche

  • Mick Jagger si trasferisce in Toscana: "E' innamorato, forse rimane"

  • Coronavirus: si torna a salire a causa dei cluster, 2 decessi e 19 nuovi casi 

  • Marina di Castagneto: fiorentino muore dopo un bagno

  • Entra in funzione 'PagoPA', addio verbale rosa sull'auto: come cambiano le multe

  • Emergenza coronavirus non impatta sul mattone: Firenze città più cara d'Italia

Torna su
FirenzeToday è in caricamento