Coronavirus Toscana: "La grande truffa delle sanificazioni"

Esposto del Codacons in procura: "Far west con tariffe fuori controllo e aziende improvvisate che realizzano finte sanificazioni a 25 euro al metro cubo"

Il settore delle sanificazioni rappresenta un vero e proprio "far west" in cui si stanno verificando speculazioni e truffe ai danni di esercenti, imprese e cittadini toscani.

A denunciarlo è il Codacons, che ha presentato un esposto alle procure della Repubblica di Arezzo, Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa-Carrara, Pisa, Pistoia, Prato e Siena.

Le nuove disposizioni sulla Fase 2 prevedono l’obbligo di sanificazione per una moltitudine di ambienti, ha spiegato l'associazione dei consumatori.

Ciò ha dato vita, prosegue il Codacons, a "una situazione che ha generato il caos, con prezzi folli richiesti a imprese, condomini e negozi vari, e tariffe che arrivano fino 25 euro al metro cubo a fronte di listini attorno a 1,5 euro al metro cubo del periodo pre-Covid".

L’obbligo di sanificazione, denuncia l'associazione, "ha poi moltiplicato il numero di aziende che si sono improvvisate 'specializzate' nel campo, e che promuovono interventi di sanificazione pur non essendo dotate di alcuna autorizzazione in tal senso".

Vere e proprie truffe, dunque, che sfruttano l’emergenza e i nuovi obblighi in capo ad esercenti e commercianti, e che realizzano manovre speculative a danno della collettività.

Per questo il Codacons chiede di avviare una task force per il territorio toscano che individui e reprima possibili manovre fraudolente e speculative nel settore delle sanificazioni, disinnescando le frodi in commercio, le truffe aggravate e le pratiche commerciali ingannevoli e scorrette che vi sottendono.

E proprio per venire incontro alle esigenze di esercenti, negozi, imprese e condomini, il Codacons "invita le aziende operanti in Toscana nel settore della sanificazione a siglare convenzioni con l’associazione, volte a garantire correttezza e prezzi calmierati ed escludere dal mercato gli operatori scorretti".

Tutte le imprese interessate possono contattare l’associazione (all'indirizzo mail info@codacons.it o al numero 89349966) e saranno inserite in un apposito elenco pubblicato sul web.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 
    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente lungo la linea 1: camion si schianta sulla tramvia / FOTO

  • Santa Maria Novella: ragazzina presa a schiaffi e rapinata alla fermata dalla tramvia

  • Natalie Portman, lettera d'amore a Firenze: "La magia delle celle dei frati affrescate a San Marco, il gelato e..."

  • Palazzo Vecchio senza soldi, Nardella: “Vado a cercarli in Cina”

  • Fase 2: hotel al collasso, lavoratori alla fame. Confindustria Firenze: "Situazione sociale sarà drammatica"

  • Tramvia, Nardella annuncia modifiche: arriverà vicino al Duomo

Torna su
FirenzeToday è in caricamento