Marco Cordone: "Espellere i clandestini" necessario un Cie

Dopo l'incidente dove è stata travolta una famiglia a Sesto Fiorentino da alcuni nomadi, il capogruppo della Lega Marco Cordone ha chiesto l'installazione di un C.I.E

lega_nordDopo la tragedia di Sesto Fiorentino, dove dei nomadi serbi scappando dalla Polizia hanno provocato il ribaltamento di una vettura con a bordo una famiglia per poi tentare la fuga, il capogruppo della Lega Marco Cordone chiede l'installazione di un C.I.E.
Un "Centro di Identificazione ed Espulsione", secondo Cordone sarebbe la giusta misura di prevenzione verso i clandestini. Il capogruppo leghista intervenendo sull'accaduto si è così espresso: 'Due minorenni ricoverati in ospedale, di cui uno di nove anni in gravissime condizioni intubato all'ospedale, una famiglia distrutta, una fuga veloce in Jaguar forzando un posto di blocco della polizia. - dice Cordone - Sembrerebbe di essere a Napoli o in Campania ed invece siamo nella civilissima Sesto Fiorentino a due passi dalla Capitale della Cultura, Firenze. A causare questi danni irreparabili, dei nomadi di origine serba con precedenti penali e con attrezzi da scasso nell'auto che guidavano a folle velocita'. Mi chiedo che cosa ci facessero due rom di origine serba con precedenti penali e muniti di attrezzi da scasso a Sesto Fiorentino, a due passi da Firenze. Il concetto di fondo e' che gli stranieri non regolari devono essere espulsi dall'Italia e tornare a casa loro. Questo episodio conferma semmai ce ne fosse bisogno che in Toscana va realizzato un C.I.E.(Centro di Identificazione ed Espulsione), che permetta alle Autorita' preposte di identificare ed espellere i clandestini dal nostro Paese. Certe situazioni non sono piu' tollerabili'.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fare la spesa in Toscana al tempo del Covid-19: ecco cosa cambia

  • Coronavirus: dipendente Esselunga risultato positivo al Covid-19

  • Bambini mezz'ora a spasso, Prato contro Firenze: "Allucinante, vi siete accorti che c'è una pandemia?"

  • Coronavirus, emergenza studenti fuori sede: “In 10mila non riescono più a pagare l’affitto”

  • Coronavirus: fase acuta dell'emergenza, i casi nel Fiorentino 

  • Coronavirus: il quartiere è deserto e una famiglia di anatre arriva fino alla farmacia

Torna su
FirenzeToday è in caricamento