Cooperante fiorentino morto a Capo Verde

La notizia è stata annunciata da Cospe, Ong di Firenze per la quale lavorava

Foto dal sito Cospe.org

Un cooperante fiorentino, David Solazzo, è morto a Capo Verde, sull'Isola di Fogo. La notizia è stata data poco fa dal Cospe Onlus, la ong fiorentina per la quale il giovane, di cui ancora non si conoscono altre generalità, lavorava.

"COSPE annuncia con immenso dolore la perdita di David Solazzo, cooperante prima in Angola e poi a Capoverde, amico e professionista serio e appassionato", si legge sul sito di Cospe.

"David si trovava a Capoverde - arcipelago a largo della costa nord occidentale dell'Africa - per coordinare per la nostra ONG il progetto Rotas de Fogo, portando avanti azioni per il rafforzamento del turismo rurale e sostenibile nell’Isola di Fogo"

"David - si legge ancora nel comunicato diffuso dalla Ong - era arrivato a Fogo nel novembre scorso e da subito aveva messo in campo la sua professionalità, la sua energia e passione al servizio delle comunità locali. Si è trattato di un incidente su cui le autorità locali stanno ancora indagando".

"Ci stringiamo attorno alla famiglia, alla fidanzata e agli amici, con l’impegno - conclude il comunicato -, di fare di tutto per appurare la realtà dei fatti, ancora sgomenti per la tragica notizia".

Autopsia sul corpo di David per acertare le cause della morte

I risultati dell'autopsia

Potrebbe interessarti

  • 10 idee per una gita fuori porta in Toscana per Ferragosto

  • Accadde oggi: il film Amici miei arriva al cinema

  • Le sagre di Ferragosto da non perdere

  • Furti in casa: tornano i contributi per l’installazione degli allarmi

I più letti della settimana

  • Lite per il parcheggio finisce nel sangue: muore residente a Sesto

  • Bambino di 8 anni muore dopo una settimana di agonia

  • Incendio all'Isolotto: colonna di fumo sulla città

  • Tramvia: tram e scooter viaggeranno insieme

  • Tre ricette toscane per combattere il caldo estivo

  • Addio allo stress da posto fisso: così amore e viaggio ci hanno cambiato la vita

Torna su
FirenzeToday è in caricamento