Consip, Marroni ai magistrati: "Mi scambiai email con Tiziano Renzi"

L'ex Ad di Consip depone in Procura per la terza volta e conferma le accuse

Ci sarebbero anche alcune email scambiate con Tiziano Renzi fra gli elementi consegnati da Luigi Marroni ai magistrati che indagano sul caso Consip. A riferirlo è Il Fatto Quotidiano dopo la nuova deposizione avvenuta due giorni fa da parte dell'ex Ad della centrale acquisti della pubblica amministrazione. Secondo quanto riporta l'articolo a firma Marco Lillo e Valeria Pacelli, le conversazioni sarebbero contenute in una memoria depositata da Marroni nell'estate scorsa.

Lunedì scorso in Procura Marroni, che non risulta iscritto nel registro degli indagati, ha dunque confermato per la terza volta la sua versione. Uno dei filoni dell'inchiesta si basa principalmente sulla ricostruzione resa ai magistrati di Napoli dall'ex Ad di Consip nel dicembre 2016. "Ho appreso in quattro differenti occasioni da Filippo Vannoni, dal generale Emanuele Saltalamacchia, dal presidente di Consip Luigi Ferrara e da Luca Lotti di essere intercettato", mise a verbale allora Marroni.  

L'interrogatorio di Marroni è il primo atto della proroga di sei mesi chiesta e ottenuta dai magistrati per l'indagine. Marroni, silurato da Consip dopo le accuse. Nelle prossime settimane i magistrati potrebbero sentire le altre persone coinvolte nell'indagine.

Potrebbe interessarti

  • 10 idee per una gita fuori porta in Toscana per Ferragosto

  • Accadde oggi: il film Amici miei arriva al cinema

  • Le sagre di Ferragosto da non perdere

  • Furti in casa: tornano i contributi per l’installazione degli allarmi

I più letti della settimana

  • Lite per il parcheggio finisce nel sangue: muore residente a Sesto

  • Bambino di 8 anni muore dopo una settimana di agonia

  • Ondata di caldo: codice rosso oggi a Firenze

  • Ubriaco fa una nuotata in Arno poi cammina nudo in centro / FOTO

  • Incendio all'Isolotto: colonna di fumo sulla città

  • Tre ricette toscane per combattere il caldo estivo

Torna su
FirenzeToday è in caricamento