Consip, i carabinieri alla pm: “Ha una bomba in mano, arriviamo a Renzi”

Così Scafarto e il colonnello Ultimo si rivolsero alla procuratrice di Modena, ascoltata dal Csm

"Dottoressa, ha una bomba in mano. Scoppierà un casino. Arriviamo a Renzi". Con queste parole il capitano del Noe Giampaolo Scafarto e il colonnello Ultimo si rivolsero alla procuratrice di Modena Lucia Musti nell'estate del 2015, in differenti incontri, secondo quanto riferito dalla stessa Musti lo scorso 17 luglio di fronte al Csm, il Consiglio superiore della magistratura.

I contenuti dell'audizione sono rimasti sotto riserbo fino a ieri, quando il Csm li ha inviati alla procura di Roma, che indaga su Scafarto, accusato di falso e rivelazione di segreto nell'ambito del caso Consip.

Nella primavera del 2015 la procura di Modena iniziava ad indagare sulla coop Cpl Concordia, in un'inchiesta aperta in precedenza dalla procura di Napoli e poi trasmessa a Modena: negli atti di quell'inchiesta c'era anche la conversazione tra Matteo Renzi e il generale della guardia di finanza Michele Adinolfi.

La procuratrice di Modena Musti ha descritto al Csm Scafarto e Ultimo "spregiudicati e presi da un delirio di onnipotenza". Scafarto e Ultimo, riferisce Musti, come riportato da Repubblica e Corriere, parlarono a Musti di “due bombe”, una era l'inchiesta sulla coop Cpl Concordia e l'altra era appunto il 'caso Consip'.

Nei prossimi giorni proseguiranno le audizioni di fronte al Csm. Ieri intanto è arrivata un prima sentenza: l'ex dirigente Consip Marco Gasparri ha patteggiato 20 mesi di carcere, con l'accusa di avere intascato mazzette per 100mila euro dall'imprenditore Alfredo Romeo, arrestato il 1° marzo 2017 scorso per corruzione e tornato libero il 16 agosto scorso.

Secondo l'accusa, respinta da Romeo, lo stesso Romeo avrebbe corrotto Gasparri per avere informazioni sugli appalti della centrale pubblica per gli acquisti, compreso un maxi appalto da 2,7 miliardi intorno al quale ruota la vicenda Consip.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di marco
    marco

    Che sudiciumaio , questi hanno attentato all' economia dello stato  

  • Avatar anonimo di max
    max

    Qui c'è BAFFINO... te la farò pagare. Mi chiedo si è difeso alla morte una Costituzione vecchia di 70 anni... e ci si SCORDA che il LAVORO elemento fondante non ESISTE PIU'. Per debellare la CORRUZIONE SI deve TOGLIERE LA BUROCRAZIA ch favorisce la CORRUZIONE.. Rendere più SEMPLICI E CHIARE LE NORME nel fare le grandi opere. Si   deve incaricare un Responsabile che vigila.. e se i costi lievitano a dismisura fa pagare le ditte che hanno vinto gli APPALTI. Mi devono spiegare perchè una Dita che vince un Appalto si prende la responsabilità di fare le opere a prezzi assurdi.. e poi deve ricevere cifre molto più alte rispetto al promessa stabilita. Se una ditta dice di esguire i lavori a 1 euro.. deve ricevere MILIONI E MILIIONI. Se incarico una DITTA EDILE per farmi il tetto a 20 euro... dopo mi deve chiedere 2000 euro ? Si è stasbilito che il lavoro viene fatto a 20 Euro... e a tale cifra viene pagata. Occorrono GARANZIE BANCARIE.. dal momento che vinci la messa in opera del lavoro... se lavoro per 3000 milioni... deve presentare della GARANZIE per il  TRIPLO... tale cifra o bene deve essere messo a IPOTECA DEI LAVORI PROMESSI.  Se tocchi la COSTITUZIONE PRIMA O POI VIENE INDAGATO..

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Centro storico: stop ai bagarini, stangata sui risciò

  • Cronaca

    Lavori socialmente utili per gli imputati invece del carcere

  • Cronaca

    Tramvia: rivoluzione viabilità alla stazione

  • Incidenti stradali

    Tramvia: incidente in Piazza Dalmazia, traffico in zona

I più letti della settimana

  • Incidente mortale a Scandicci: 77enne muore travolta dal camion dei rifiuti / FOTO - VIDEO

  • Falso allarme bomba vicino al Duomo | FOTO / VIDEO

  • Firenze, gli eventi da non perdere questo weekend

  • I Medici: cercasi comparse per la terza stagione

  • Finti mimi nel centro storico: scatta l'espulsione 

  • Mugello, under 35 aprono discoteca: preservativi e alcoltest all'ingresso

Torna su
FirenzeToday è in caricamento