Forteto: dopo la condanna Fiesoli si costituisce a Padova

Si è presentato in caserma dopo alcune ore dalla lettura della sentenza

Dopo alcune ore di giallo, in cui non è stato facile localizzarlo, ieri sera Rodolfo Fiesoli si è costituito presso il comando provinciale dei carabinieri di Padova. Fiesoli, 78 anni, poche ore prima era stato infatti condannato dalla Cassazione per maltrattamenti e abusi su minori della comunità del Forteto, rigettando il ricorso dei legali del "profeta" e confermando i 14 anni e 10 mesi della condanna d'appello bis. 

Ricorso rigettato anche per l'altra imputata, Daniela Tardani, condannata a 6 anni e 4 mesi. La IV Sezione penale della Corte di Cassazione, nel collegio presieduto da Francesco Maria Ciampi, ha rigettato il ricorso presentato dagli avvocati Zilletti e Mazza mettendo così un punto fermo sulla vicenda che ha visto al centro la comunità di Vicchio e che ha visto l'istituzione di due commissioni regionali e una parlamentare, quest'ultima ancora non operativa, per approfondire la vicenda torbida vissuta in Mugello.  

"Con la sentenza appena emessa dalla Cassazione - ha affermato il vicecapogruppo di Forza Italia alla Camera Stefano Mugnai in seguito alla sentenza - giunge finalmente al traguardo anche giudiziario la drammatica vicenda del Forteto, la comunità-setta del Mugello, in provincia di Firenze, teatro di orrori e abusi ai danni dei minori che lì venivano affidati dalle autorità. Per le vittime, i bambini di allora, questo punto fermo costituiva la condizione indispensabile per poter guardare avanti sentendosi legittimati nei patimenti subiti. Per gli auguzzini e in particolare per Rodolfo Fiesoli, auspichiamo sia finalmente giunto il tempo che sia messo in condizione di non nuocere più ad altri dopo che in questi mesi è stato libero di avvicinare ragazzini nei bar e davanti alle scuole di Aulla". 

Duro anche Giovanni Donzelli, deputato di Fratelli d'Italia, già vicepresidente della Commissione d'inchiesta sul Forteto nel Consiglio regionale della Toscana: "Finalmente arriva la giustizia, con il solito grave ritardo. Adesso il pedofilo Fiesoli vada in carcere e nessuno si sogni di concedere un solo giorno di sconto ad un criminale che ha distrutto la vita a centinaia di persone. Lo ha fatto insieme agli altri componenti della setta che, a causa di un sistema giudiziario assurdo, l'hanno fatta franca grazie alle prescrizioni. Abbiamo l'occasione di stabilire tutte le altre responsabilità, anche di politici e magistrati, con la Commissione d'inchiesta parlamentare: basta con i veti incrociati, è urgente farla partire". 

Gli fa eco in Regione il consigliere della Lega Jacopo Alberti: “Finalmente un po’ di giustizia per le vittime del Forteto spero che la sentenza della Cassazione, oltre a mettere la parola fine su una vicenda giudiziaria lunga e dolorosa per le vittime, sia anche la svolta per vedere finalmente pagare i colpevoli. Che si aprano le porte del carcere per Fiesoli e quelle della commissione parlamentare d’inchiesta. Un personale abbraccio alle vittime del Forteto, e un rinnovato augurio di buon lavoro al Commissario Jacopo Marzetti, che possa risollevare la Cooperativa con maggiore serenità”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente lungo la linea 1: camion si schianta sulla tramvia / FOTO

  • Santa Maria Novella: ragazzina presa a schiaffi e rapinata alla fermata dalla tramvia

  • Natalie Portman, lettera d'amore a Firenze: "La magia delle celle dei frati affrescate a San Marco, il gelato e..."

  • Palazzo Vecchio senza soldi, Nardella: “Vado a cercarli in Cina”

  • Fase 2: hotel al collasso, lavoratori alla fame. Confindustria Firenze: "Situazione sociale sarà drammatica"

  • Tramvia, Nardella annuncia modifiche: arriverà vicino al Duomo

Torna su
FirenzeToday è in caricamento