Panico in Autogrill: sospetto Coronavirus per una donna cinese

Viaggiava in comitiva, ricoverata a Pistoia. Pullman isolato e area di servizio chiusa per due ore

Un pullman che trasportava una comitiva di cinesi è stato fermato in via precauzionale nell'area di servizio Serravalle pistoiese: una donna di 53 anni che viaggiava insieme ad un'altra ventina di connazionali si è sentita male ed è svenuta. Si sospetta un caso di coronavirus, che nelle ultime settimane sta provocando numerosi morti in Cina.

La donna, originaria proprio della provincia dell'Hubei focolaio del virus, ha accusato una sintomatologia simil influenzale con lieve rialzo febbrile. E' stato così allertato il 118, dove i sanitari hanno subito attivato le procedure previste dal protocollo ministeriale: la donna è stata trasportata all'ospedale San Jacopo di Pistoia, dov'è stata ricoverata nel reparto di malattie infettive.

Precauzionalmente l'area di servizio è rimasta chiusa per un paio d'ore fra le 18 e le 20. Per precauzione il mezzo è rimasto isolato nel parcheggio ed è stato impedito l’accesso alla sosta a tutti gli altri mezzi.

Sono in corso gli accertamenti e le terapie del caso ed in questo momento è in corso anche l'indagine epidemiologica per capire se la donna, nei 14 giorni precedenti l'insorgenza della sintomatologia, era già presente in Italia.

In caso affermativo i sanitari procederanno ad effettuare gli esami indicati dal Ministero inviando i campioni biologici all'Istituto Superiore di Santità.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: dalla Cina stanno rientrando a Prato e Firenze 2.500 persone

  • Via Baracca: vinti 500mila euro con un "Gratta e Vinci"

  • Folle inseguimento, paura sui viali: 14enne semina il panico

  • Campi Bisenzio, rivende merce rubata ai Gigli davanti ai Gigli: denunciata

  • Marradi: soppresso da Papa Francesco il monastero domenicano. Le tre suore saranno trasferite

  • Frecciarossa deragliato a Lodi: prodotto a Firenze il pezzo difettoso del cambio all'origine della tragedia

Torna su
FirenzeToday è in caricamento