Castello di Sammezzano, la tenuta è tra i 12 monumenti più a rischio in Europa

Ad annunciarlo la principale organizzazione europea per la tutela del patrimonio culturale: lo storico complesso del Comune di Reggello è tra i monumenti europei che potrebbero non avere un futuro

Negligenza, sviluppo inadeguato, mancanza di risorse o competenze. Queste le caratteristiche dei “7 most endangered”, ovvero i 7 più importanti monumenti in pericolo presenti sul territorio europeo. 

Un'iniziativa di Europa Nostra, federazione pan-europea per il patrimonio culturale, ideata per accrescere la consapevolezza e mobilitare la salvaguardia dei siti culturali a rischio in Europa. Anche quest'anno la federazione ha annunciato la lista dei 12 siti finalisti candidati all’edizione 2018: dodici monumenti europei in un allarmante stato di degrado, che potrebbero non avere un futuro.

I 12 luoghi sono stati selezionati da una giuria di esperti in storia, archeologia, architettura, restauro, analisi di progetto e finanza, tenendo in considerazione sia il loro straordinario valore storico e culturale, sia lo stato di degrado nel quale versano che mette in serio e imminente pericolo la loro esistenza.

Tra i finalisti anche il Castello di Sammezzano, nominato dal Touring Club Italiano insieme al movimento "Save Sammezzano", nonché l'unico sito italiano che ha avuto accesso alla fase finale dell'iter selettivo.

I monumenti a rischio

Accanto al Castello di Sammezzano, nella lista figurano anche il centro storico di Gjirokastra, Albania; le chiese post-bizantine a Voskopoja e Vithkuqi, Albania; il centro storico di Vienna, Austria; la fabbrica della lavorazione del carbone di Beringen, Belgio; il Monumento di Buzludzha, Bulgaria; il sistema di funivie di Chiatura, Georgia; il complesso monastico di David Gareji, Georgia; il Casinò di Constanta, Romania; i siti preistorici di arte rupestre nella provincia di Cadice, Spagna; l’orfanotrofio greco di Prinkipo, Isole dei Principi, Turchia; e la fabbrica di ghiaccio di Grimsby, Regno Unito.

Alcuni di questi siti sono in pericolo a causa della negligenza o di uno sviluppo inadeguato, altri per mancanza di risorse o competenze. La lista finale dei 7 siti storici europei più in pericolo sarà resa pubblica il 15 marzo.

"Uniamo le forze per salvare questi gioielli"

“Il 2018 è l’anno che celebra l’unicità del patrimonio culturale europeo e che sottolinea il suo ruolo chiave nella promozione della nostra identità comune e nella costruzione di un’Europa più inclusiva" -  ha affermato Denis de Kergorlay, Presidente Esecutivo di Europa Nostra- "Accrescere la consapevolezza e mobilitare in modo diffuso sforzi finalizzati a salvare i siti culturali a rischio in Europa è un altro obiettivo dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018. Quale migliore occasione per Europa Nostra e per l’ Istituto della Banca Europea per gli Investimenti per realizzare una nuova edizione del programma 7 Most Endangered, con il supporto del programma EU Europa Creativa”.

“Questa shortlist è, prima di tutto, un invito all’azione. Abbiamo bisogno che attori pubblici e privati a livello locale, nazionale ed europeo uniscano le forze per salvare questi gioielli che raccontano la nostra storia comune e che devono essere preservati per le generazioni future”, aggiunge.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Salvare questi 12 siti avrà ricadute positive non esclusivamente sul patrimonio storico e culturale. Gli investimenti genereranno benefici socio-economici a livello locale, regionale e nazionale,” afferma Francisco de Paula Coelho, Rettore dell’Istituto della Banca Europea per gli Investimenti. “Investimenti adeguatamente finalizzati nel campo del patrimonio culturale ripagano in termini di sviluppo sociale, economico e culturale ed è fondamentale diffondere questo messaggio durante l’Anno Eurpeo del Patrimonio Culturale 2018”, conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 9 nuovi casi, focolaio a Impruneta

  • Coronavirus Toscana, 3 nuovi focolai. Ordinanza di Rossi: "Contagiati vadano in albergo o multa di 5.000 euro"

  • Coronavirus: si torna a salire a causa dei cluster, 2 decessi e 19 nuovi casi 

  • Gignoro: malore per l'autista Ataf, perde il controllo del bus e si schianta. Chiusa via del Guarlone | FOTO

  • Rissa in spiaggia, denunciati sei giovani fiorentini

  • Cosa fare nel fine settimana a Firenze

Torna su
FirenzeToday è in caricamento