Castello di Sammezzano, lettera ai giudici: “Salvatelo”

'Save Sammezzano' scrive ai giudici Picardi e Masetti, che ha seguito la procedura di fallimento

Ancora incertezze sull'assetto proprietario e sul rilancio del Castello di Sammezzano, vicenda che non conosce pace. Per sbloccare la situazione Francesco Esposito, rappresentante dell'associazione 'Save Sammezzano', nata per sollecitare il rilancio del Castello e promotrice di numerose iniziative in questo senso in passato, ha preso carta e penna per scrivere l'ennesima lettera.

“Abbiamo deciso di scrivere ai giudici del tribunale di Arezzo Masetti (inizialmente delegato a seguire la procedura di fallimento) e Picardi (giudice che recentemente dovrebbe aver preso il posto del dott. Masetti) per capire quale sia al momento la situazione strutturale di Sammezzano”, si legge nella pagina web dell'associazione.

A causa dell’incertezza sull'assetto proprietario di Sammezzano, in seguito al fallimento della Sammezzano Castle Srl, i lavori conservativi precedentemente avviati presso il Castello sono al momento fermi. “Questo riporta Sammezzano in una situazione di pericolo: già a ottobre avevamo personalmente constatato che i suoi interni erano gravemente danneggiati e che, se non si fosse intervenuti tempestivamente, la struttura avrebbe subito danni gravissimi derivanti dalle intemperie invernali”, prosegue Esposito.

“Il Codice dei Beni Culturali impone che Sammezzano sia mantenuto in perfetto stato conservativo, riteniamo quindi importante sapere quale sia la sua attuale salute strutturale e se, conseguentemente, la legge risulta rispettata”, aggiunge il rappresentante di Save Sammezzano, che chiede di salvare il castello e che sia “finalmente affidato ad una proprietà definitiva pronta a prendersene seriamente cura”. Recentemente al Castello, inserito tra i 12 monumenti più a rischio in Europa, si sono verificati anche atti di vandalismo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, altro caso sospetto a Firenze: il secondo tampone è positivo

  • Coronavirus, caso sospetto a Santa Maria Novella

  • Coronavirus, altri due casi in Toscana: un calciatore professionista e un birraio

  • Coronavirus: due i casi positivi in Toscana, dopo Firenze anche Pescia

  • Coronavirus: altri due contagiati a Firenze

  • Coronavirus, Rossi: "No alla chiusura di scuole o stop ai concorsi"

Torna su
FirenzeToday è in caricamento