Droga e prostituzione: Cascine, la notte è ancora invivibile

Uomini e donne imboscati fra le siepi, in barba al nuovo sistema di illuminazione. Nonostante la festa dell'Unità. Aree pedonali violate sistematicamente

Un uomo spunta da un cespuglio. No, sono due. Forse tre. Anzi quattro, cinque, dieci, venti o anche trenta. Si fa fatica a tenere il conto. C’è chi si infratta dietro le siepi, chi cerca (e trova) droga, chi va lì perché sa di trovare giro di prostituzione femminile, ma soprattutto maschile. Benvenuti nel nuovo parco delle Cascine, che da decenni le amministrazioni provano a rendere più sicuro. Provano, senza risultati tangibili, evidentemente.

E’ passata la mezzanotte di un venerdì sera: a due passi ancora luci e gente ravvivano la festa dell’Unità. Eppure nel tratto fra il ponte della tramvia e la passerella dell’Isolotto un altro mondo agisce indisturbato. Uomini, soprattutto uomini, fanno capolino dalle siepi: cercano qualcosa. Guardando più addentro si vedono ragazzi cercare un luogo appartato, altri già in azione. Qualcuno prende una bustina e se ne va, mentre una signora in abiti succinti cerca trippa per gatti.

Poco sembra importare agli “imboscati” del nuovo sistema di illuminazione, inaugurato appena otto mesi fa dopo un investimento da oltre un milione di euro. I luoghi bui ed appartati ci sono ancora, eccome. E non potrebbe essere diversamente per un parco da 130 ettari di superficie, dove ancora il buio fa paura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A un certo punto arriva un’auto. 20, poi 30 chilometri orari nell'area pedonale. “Tanto non c’è nessuno”, avrà pensato il conducente che percorre tutto il viale Lincoln fino ad attraversare i binari della tramvia. Passa un minuto ed ecco un motorino percorrere lo stesso tragitto. Non può arrivare certo dalla passerella dell'Isolotto dov’è stato impedito il passaggio dei motoveicoli, anche a mano. Nessuno controlla: il nuovo parco sul modello europeo è ancora lontano. E se di notte le Cascine sono ancora poco o per niente frequentate, un motivo pure ci sarà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in arrivo un nuovo Dpcm: stop ai voli, rinvio per le discoteche

  • Mick Jagger si trasferisce in Toscana: "E' innamorato, forse rimane"

  • I borghi più belli della Toscana da visitare assolutamente

  • Marina di Castagneto: fiorentino muore dopo un bagno

  • Entra in funzione 'PagoPA', addio verbale rosa sull'auto: come cambiano le multe

  • Coronavirus, dipendenti senza mascherina: chiuso e multato un supermercato

Torna su
FirenzeToday è in caricamento