Campo di Marte, la protesta: "Lavaggio strade dopo la partita, due multe ingiuste"

La lettera di un residente: "Quando gioca la Fiorentina è un'odissea, viene il dubbio che il Comune vessi i cittadini per fare cassa"

Foto d'archivio

Un lettore ci scrive per raccontarci quanto accadutogli nella notte tra mercoledì e giovedì scorso, dopo la partita Fiorentina-Sampdoria, lamentando due multe e due rimozioni ritenute, in quella particolare occasione, del tutto ingiuste. Un episodio che il lettore, che chiede l'anonimato, descrive come una "odissea". Sotto la lettera, testuale, pervenutaci:

"È mercoledì mattina e come ogni mattina esco di casa di buon’ora. Anzi mezz’ora prima, perché abito in zona Stadio e la sera ci sarà una partita di calcio della Fiorentina.
Quindi tutte le strade saranno transennate, con divieto di sosta. E quindi prima di salire in sella allo scooter devo spostare la macchina e cercare parcheggio altrove, se non voglio che sia rimossa.

Finalmente trovo un posticino, lascio la macchina e torno a piedi sotto casa, per prendere il motorino. A fine giornata torno a casa, lascio il motorino accanto alla macchina nella stradina secondaria e torno a piedi.

La polizia presidia e le transenne sono invalicabili anche a piedi: mi dicono che devo fare il giro dell’isolato e entrare da un’altra via.  Finalmente riesco ad entrare nel portone, preparo la cena e vado a letto.
La mattina esco di nuovo un po’ prima, per andare a riprendere il motorino e di nuovo tornare al lavoro.

Ma il motorino non c’è, e nemmeno la macchina: nella stradina secondaria vigeva per quella notte (4° giovedì del mese h 00:00 - 04:00) il divieto di sosta con rimozione per Lavaggio Stradale. Impreco e mi chiedo se si possa essere così privi di senso civico e umana solidarietà da non transigere nemmeno in un’occasione così particolare e già di per sé incomodante come la militarizzazione di un quartiere per via di una banalissima partita di pallone.

Chiamo la depositeria per accertarmi dell’avvenuta rimozione; confermano che i miei mezzi sono lì. Allora chiedo quali mezzi pubblici arrivino alla depositeria. La risposta è sconfortante: arriva solo il 57, e parte da Piazza Puccini.

Sono quindi costretto a chiamare il lavoro e implorare un permesso, perché la depositeria chiude alle 20, e non potrei mai riuscire ad arrivare dopo il lavoro, prendere uno dei due mezzi, tornare a casa, rifare un viaggio infinito ed essere entro le 20 di nuovo in depositeria per prendere il secondo mezzo.

Scomodo quindi un amico, perdo mezza giornata di lavoro e mi dispongo a pagare 30+30€ di multa e 130+130€ di deposito e carro attrezzi. Sì, perché per i motorini non riempiono un cassone del carro attrezzi: fanno un viaggio per volta. Quindi si paga come per una macchina.

Le domande alle quali non trovo una risposta di buon senso sono molte:

    ⁃    Perché si chiude tutto un quartiere per una semplice partita di calcio?
    ⁃    Perché devo spostare il mio mezzo quando c’è la partita?
    ⁃    Che senso ha quindi la presenza di un esercito tra Poliziotti e Carabinieri, se non per tutelare i residenti e i loro veicoli parcheggiati dall’eventualità di violenza dei tifosi?
    ⁃    Perché non si ha la minima comprensione per il disagio che questa situazione comporta ai residenti, e si fanno multe e rimozione veicoli senza pietà nella stessa notte?
    ⁃    Devo rassegnarmi ad essere costretto ad aspettare la fine della partita e di tutti gli spostamenti dei tifosi, magari mezzanotte o l’una, per uscire di nuovo e spostare di nuovo prima la macchina e poi il motorino?
    ⁃    Come posso pensare che non sia una strategia del Municipio per fare cassa, tutto questo sistema di divieti, lavaggi stradali, multe e carrattrezzi?
    ⁃    Perché non si appresta una Depositeria Comunale anche in zona Firenze Sud?
    ⁃    Perché non si permette al cittadino multato e privato materialmente del mezzo di raggiungere comodamente la depositeria?

E qui subentrano altre e più generali considerazioni:

    ⁃    Perché invece di aggiungere più e più divieti e vincoli alla circolazione dei mezzi privati, non si finanzia un piano di mobilità pubblica tramite autobus e treni locali ad alta frequenza e fino a tarda notte?
    ⁃    Perché non si possono assumere operatori ecologici che puliscano le strade quotidianamente, in maniera quindi efficace e puntuale, invece di organizzare un giorno (spesso un giorno AL MESE) di inutile pulizia con gli idranti? Essa alimenta infatti ogni ragionevole sospetto che sia semplicemente un modo per spiccare multe.
    ⁃    Perché non si permette ai cittadini di scordarsi la macchina parcheggiata 'ammodino' e usufruire di un trasporto pubblico, a prezzi equi (se non proprio gratuito per i residenti), comodo nelle destinazioni e nella fequenza?

È quindi davvero da prendere in considerazione l’ipotesi complottista di chi dice che la città è in vendita alle grandi aziende, e che per le persone comuni, lavoratori, studenti, artigiani, impiegati, famiglie e bambini, non c’è posto?". (Foto d'archivio)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Isolotto: il portellone si apre e la bara finisce in strada

  • Terremoto Firenze: la terra trema in città

  • Terremoto: la terra trema nel Fiorentino

  • Maltempo: rischio nevicate in città

  • Terremoto Firenze: danni in Mugello, oltre 200 cittadini fuori casa

  • Terremoto in Mugello, al lavoro per identificare la faglia: "Sciame sismico prosegue"

Torna su
FirenzeToday è in caricamento